La Nuova Venezia

Resterà deluso chi aveva dato credito alla voce circolata ieri, su un sitoweb specializzato in notizie dalla LegaPro, secondo la quale sulla panchina di mister Dal Canto aleggiava lo spettro dell’esonero. Il presidente Korablin, a quanto riferiscono ai quotidiani locali il dg Dante Scibilia e dal ds Ivone De Franceschi che lo hanno incontrato a Mosca, “ripone la massima fiducia in Alessandro Dal Canto”. Non è quindi a rischio la panchina del tecnico arancioneroverde che può guardare con più ottimismo alla partita di sabato al Penzo contro la Feralpi. L’improvviso viaggio dei due dirigenti arancioneroverdi in Russia non ha quindi avuto per tema tanto gli aspetti tecnico-sportivi quanto quelli gestionali, l’incontro sembra infatti essere dovuto alla necessità di fare fronte alle prossime scadenze, anche alla luce della difficile situazione creatasi con la crisi ucraina, con le sanzioni incrociate che rendono difficoltose le attività finanziarie tra Europa e Russia. Di seguito i due articoli, a firma Michele Contessa, per La Nuova Venezia, e Marco De Lazzari, per Il Gazzettino: (altro…)

Torna a fare capolino, sulle pagine de La Nuova Venezia di oggi,  la questione stadio. Non che ci siano grandi novità, anzi di notizie non ce ne sono proprio, ferma com’è la situazione a causa dei ritardi nella presentazione del progetto prima, e del commissariamento dell’amministrazione cittadina poi, cosa di fatto rende impossibile l’apertura dell’iter previsto dalla cosiddetta “legge stadi” per la concessione della dichiarazione di “pubblico interesse” per l’opera che spianerebbe strada e ostacoli per la costruzione del nuovo impianto. Nonostante l’impasse, il nuovo dg arancioneroverde Dante Scibilia, in speranzosa attesa dell’arrivo del presidente da Mosca, valuta positivamente il dato definitivo della campagna abbonamenti chiusasi ieri a quota 571 (nel dettaglio 85 tribune centrali, 98 laterali, 261 distinti e 127 curve perun incasso di 61.530 euro). Il 20% in più dei 480 abbonati dello scorso campionato, ma ancora sotto i 629 abbonati del primo anno di LegaPro. Chiusura sulla ricerca del main sponsor, che non ha ancora dato risultati concreti. Di seguito l’intervista integrale, realizzata da Michele Contessa: (altro…)

Sui quotidiani locali ampio spazio all’incontro tra il commissario prefettizio Zappalorto e il presidente arancioneroverde Korablin. Il massimo dirigente del FBC Unione Venezia ha presentato al reggente dell’amministrazione comunale, decaduta dopo le dimissioni del sindaco Orsoni, i suoi progetti relativi allo stadio di Tessera ed alla chiesa ortodossa che lo stesso Korablin vorrebbe erigere nella zona della Bissuola. Particolarmente interessante l’analisi di Francesco Bottazzo per il Corriere Veneto, secondo cui uno dei motivi dell’incontro sarebbe stato quello di sensibilizzare il commissario perchè interceda presso la Regione per l’attivazione delle procedimento che dovrà portare ad un accordo di programma tra palazzo Balbi e la futura amministrazione comunale che entrerà in carica dopo le elezioni di marzo 2015. Anche sulla questione delle aree di proprietà del Casinò, e contigue a quelle opzionate da Korablin, il commissario avrebbe promesso una risposta al presidente russo che si dice fiducioso di poter avere notizie entro due settimane. Staremo a vedere.. Di seguito la rassegna stampa completa: (altro…)

Corriere del Veneto e La Nuova Venezia, dopo le aperture del presidente Korablin che invitava SAVE al tavolo per discutere del nuovo stadio, dedicano ampio spazio alla gelida risposta di Marchi che, attraverso un comunicato ribadisce l’assoluto disinteresse della società aeroportuale per il progetto del manager russo e ricorda, non senza una certa malizia, di aver già incontrato tre volte il massimo dirigente arancioneroverde senza che quest’ultimo gli “abbia esplicitato concretamente l’obiettivo degli incontri”. La strada dello stadio nuovo resta incerta e piena di ostacoli. Di seguito gli articoli completi: (altro…)

Anche La Nuova Venezia apre con le dichiarazioni del presidente Korablin che rilancia, dopo due mesi di assoluta latitanza, la questione stadio. Una richiesta di incontro al commissario straordinario per chiedere delucidazioni, ma anche abboccamenti con Marchi (Save), queste le prossime mosse dell’uomo d’affari moscovita che rischiano però di essere inutili, almeno fin quando la città non avrà un nuovo sindaco (le elzioni sono previste per la fine di marzo 2015). Attacca il presidente arancioneroverde anche sul fallimento della passata stagione, attribuito in toto agli errori del precedente management. Per quanto riguarda la prossima stagione invece, il presidente assicura che il budget a disposzione sarà più elevato e si affida totalmente a De Franceschi e Dal Canto per la parte tecnica, a Scibilia per quella gestionale ed amministrativa. Di seguito gli articoli di Michele Contessa: (altro…)

Negli ultimi due giorni articoli fotocopia dei principali quotidiani locali sullo stallo che attanaglia il FBC Unione Venezia. Per Il Gazzettino, nell’edizione di domenica, è Marco De Lazzari a dare voce alle perplessità della redazione con un articolo incentrato sulla situazione della rosa arancioneroverde, al momento ridotta teoricamente ai sette giocatori ancora sotto contratto. Michele Contessa invece, su La Nuova Venezia di oggi, allarga lo sguardo sulla situazione dello staff tecnico e dirigenziale, con la riconferma, peraltro non ancora ufficiale di Alessandro Dal Canto sulla panchina arancioneroverde, l’insediamento, anche questo ufficioso, di Ivone De Franceschi, nel ruolo di ds, e l’ingresso in società di Dante Scibilia, con l’incarico di direttore generale o di responsabile amministrativo, tutti nodi che il ritorno in città del presidente Korablin, previsto tra oggi e domani, dovrà sciogliere. Quello che resta, nelle menti e nei cuori dei tifosi arancioneroverdi, è la pessima sensazione di essere ostaggi di una proprietà lontana e assolutamente disinteressata ad una gestione attiva, seria e sostenibile del club. Di seguito gli articoli completi: (altro…)

La Nuova Venezia si affida a Michele Contessa per raccontare la giornata arancioneroverde. Dalla conferenza stampa di Andrea Gazzoli e Giammario Specchia che ripercorrono la loro esperienza in laguna alle notizie sul futuro, il giornalista mestrino traccia il quadro della situazione del club di via Torino. Particolarmente interessante la riflessione sull’organigramma dirigenziale: ilpresidente Korablin dovrà al più presto trovare una soluzione perchè De Franceschi, il più che probabile prossimo ds, non sembra avere le caratteristiche per occuparsi della parte gestionale oltre che di quella tecnica. Le voci sulla probabile riconferma di mister Dal Canto trovano poi parziali conferme nelle parole dello stesso tecnico che ammette di aver incontrato Korablin in questi giorni e di essere in attesa di una sua comunicazione ufficiale. Di seguito gli articoli completi: (altro…)

Divorzio consensuale. Su questo concordano i quotidiani locali, all’indomani dell’ufficializzazione della separazione tra il club arancioneroverde e il ds viareggino Andrea Gazzoli. Con il dirigente toscano se va anche Specchia. Entrambi oggi parleranno alla stampa, per spiegare i motivi del divorzio. Nulla di deciso, invece, per quanto riguarda Alessandro Dal Canto. Da Padova intanto, arrivano le voci che vorrebbero Ivone De Franceschi, bandiera biancoscudata ed ex arancioneroverde prima, poi dirigente dell’area tecnica del club patavino e, per un anno, anche direttore sportivo alla corte di Cestaro, tra i candidati più papabili alla scrivania vacante di via Torino. Con lui si fa il nome, per la panchina, di Michele Serena, mentre nulla si sa ancora per il ruolo di direttore generale o quello più operativo di responsabile di gestione. La rassegna stampa completa di seguito: (altro…)

In questi giorni i quotidiani locali, complici alcuni fatti nuovi, tornano a rianimare l’interesse attorno alle vicende arancioneroverdi. Se la buona notizia dell’agibilità del Penzo compare su tutte le pagine sportive della stampa locale, diverse, in attesa del ritorno in laguna del presidente Korablin, sono le valutazioni sul futuro prossimo venturo di Andrea Gazzoli. Per la Nuova Venezia ed Il Gazzettino, sia pure con sfumature diverse, il direttore sportivo viareggino dovrebbe essere confermato, e restare quindi all’interno del Club di via Torino, quantomeno perchè una alternativa credibile ancora non si è manifestata ed i tempi, con la nuova stagione alle porte, sono strettissimi. Resta tuttavia da capire se il presidente gli accorderà  quella “carta bianca” che il dirigente arancioneroverde ha espressamente chiesto per rimanere e iniziare a programmare il futuro. Potrebbe essere proprio questo l’elemento di rottura che potrebbe portare Gazzoli a decidere di levare gli ormeggi verso lidi più ambiziosi ed organizzati. E’ questa l’interpretazione che da il Corriere del Veneto che, per la penna di Serena Spiazzi Lucchesi, vede il ds toscano pronto a lasciare Venezia, se Korablin non gli darà, con la riconferma, anche maggiori poteri e deleghe. Di seguito la rassegna stampa completa: (altro…)

I quotidiani locali del lunedì tornano ad occuparsi delle vicende arancioneroverdi dopo il forzato silenzio degli ultimi giorni. E mentre La Nuova Venezia, con la penna di Michele Contessa, fa il punto sul tempo prezioso letterlamente buttato dalla proprietà sul fronte della programmazione sportiva, delineando anche le prossime scadenze che attendono di essere espletate a fine giugno per ottemperare alla normativa sulle iscrizioni, la notizia più importante, sul fronte delle grandi manovre organizzative per la prossima stagione, la dà Il Gazzettino che, con Marco De Lazzari, parla del blitz  russo del ds arancioneroverde Andrea Gazzoli, volato a Mosca, per discutere con Korablin. Al centro del colloquio le garanzie richieste dal dirigente toscano per proseguire il lavoro al vertice del FBC Unione Venezia. Garanzie di bilanci, budget, metodi e di prospettive che il presidente vaglierà in questi giorni, prima del suo rientro in Italia, rientro che lo stesso Gazzoli, da noi contattato, prevede possa avvenire nel corso di questa settimana. Il tempo per iniziare a lavorare, senza pericolosi ritardi, in vista della prossima stagione è davvero esiguo. dalle comproprietà alle procedure per regolarizzare l’iscrizione 15 giorni intensi attendono il club arancioneroverde. Di seguito gli articoli completi: (altro…)

  • COSTRUIAMO PARTECIPAZIONE: SCARICA LA RELAZIONE E IL BILANCIO

Segui Venezia United!