News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

Dalla LegaPro 150 milioni di mutui agevolati per gli Stadi senza Barriere. Un’opportunità per il P.L. Penzo

Alla luce della recente firma della convenzione fra LegaPro e Istituto del Credito Sportivo riproduciamo, appena aggiornato, un nostro articolo del Giugno 2016. La nostra proposta di allora, oggi persino più attuale, è rimasta senza risposta fattiva da parte della Società e in tal senso abbiamo mandato una lettera di sollecito al DG Dante Scibilia…

UNO STADIO SENZA BARRIERE A VENEZIA – Il PIER LUIGI PENZO di SANT’ELENA

fiorenti4Da diverso tempo vi sono, in varie parti d’Italia, istanze che provengono dalle tifoserie affinchè gli stadi possano, attraverso adeguati percorsi di condivisione tra società, forze dell’ordine e tifosi, vedere eliminate le barriere che separano il campo da gioco dai settori nei quali prende posto il pubblico che assiste alle partite.

La riqualificazione degli stadi italiani, il miglioramento del comfort offerto ai tifosi e dell’atmosfera che essi stessi possono creare, sono temi ampiamente condivisi anche dall’estabilishment calcistico italiano tanto che FIGC e le varie Leghe hanno promosso progetti per incentivare l’eliminazione delle barriere, a cui hanno aderito numerosi club.

Gli esempi in questo senso vanno diffondendosi rapidamente in Italia, sulla scorta delle esperienze maturate in Europa, in particolare negli stadi britannici, e realizzazioni e progetti riguardano sia impianti sportivi di nuova costruzione che interventi su strutture esistenti come nel caso di Bergamo, Firenze, Cesena, Perugia, L’Aquila, Pesaro, solo per citarne alcune di categorie diverse.

Senza barriere significa permettere di godere dello spettacolo nella maniera migliore e trasmettere una sensazione di tranquillità che favorisce un approccio sereno allo spettacolo calcistico. Elementi che potrebbero permettere al VeneziaFC di promuovere con efficacia la propria immagine di club proiettato nel futuro ed attento alle esigenze dei propri tifosi.

L’eliminazione di barriere e recinzioni tra spettatori e campo da gioco potrebbe inoltre contribuire a valorizzare la centenaria storia dello stadio Penzo, proiettando il più antico (non ce ne vogliano a Genova, sponda rossoblu) stadio italiano direttamente nel terzo millennio, tramutandolo in uno straordinario elemento di marketing promozionale.

La nuova convenzione firmata dal Presidente della Lega Pro Gabriele Gravina e il Commissario Straordinario dell’Istituto per il Credito Sportivo Paolo D’Alessio, destinata allo sviluppo dell’edilizia sportiva e al sostegno finanziario all’operatività delle società sportive di Lega Pro.

http://www.edilportale.com/news/2016/10/impianti/edilizia-sportiva-presto-150-milioni-di-mutui-agevolati-per-stadi-senza-barriere_54450_25.html

consentirebbe inoltre al VeneziaFC di aderire al progetto STADI SENZA BARRIERE

Non va dimenticato, tuttavia, che in Italia vi sono questioni legate all’ordine pubblico negli stadi che, da un lato fanno registrare soprattutto nelle serie minori ancora svariati incidenti tra tifosi, dall’altro consentono all’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive di poter disporre divieti di accesso e chiusure di settori, sia in forma preventiva che sanzionatoria.

I presupposti perchè l’eliminazione delle barriere tra tifosi e campo da gioco possa dare i risultati attesi su questo fronte, non possono che passare:

  1. a) attraverso un percorso di responsabilizzazione degli stessi supporters e
  2. b) per lo sviluppo di buone pratiche tra i soggetti coinvolti o interessati;

Il club calcistico, la tifoseria organizzata, le autorità di P.S., la Lega Calcio, l’amministrazione comunale, proprietaria dell’impianto, sono i partner naturali di questo processo virtuoso.

Nel caso, il progetto potrebbe anche procedere per gradi, iniziando dai settori Tribuna e Distinti, senza forzature e misurando di volta in volta gli esiti di una riduzione dei sistemi di sicurezza presenti allo stadio. Il continuo monitoraggio del meccanismo di responsabilizzazione dei tifosi e la sua implementazione attraverso campagne di educazione e sensibilizzazione della tifoseria e nelle scuole, diventano in quest’ottica garanzia di buona riuscita della sperimentazione.

Per questi motivi VeneziaUnited propone quindi alla società VeneziaFC di sviluppare senza indugio un progetto che possa consentire l’eliminazione delle barriere anche allo stadio Penzo, dove la squadra giocherà certamente i prossimi campionati.