Livio Marinelli
Arbitro C.A.N. D | Tivoli

scheda tratta da www.tuttoarbitri.com

Livio Marinelli nasce a Tivoli il 6 novembre 1984 e fino a luglio scorso ha vissuto con la famiglia composta da Papà Riccardo, Mamma Anna ed il fratello Daniele a Guidonia, mentre è prossimo a formare la sua, di famiglia, portando all’altare Simona. Nella sua vita a Guidonia, ad un certo punto la svolta : diventa Maresciallo dell’Esercito Italiano e si trasferisce a Belluno dove attualmente è in forza al 7° Reggimento Alpini. Attualmente il 7° Reggimento Alpini è impegnato in Afghanistan ed anche Livio Marinelli ha partecipato all’ultima missione da novembre ad aprile.

L’approccio con il pianeta arbitrale è casuale e soprattutto legato alla curiosità giovanile : “Ero al liceo e in bacheca lessi un volantino che pubblicizzava un corso arbitri. Mi sono detto per provare : < vediamo un po’ com’è vivere il calcio da un’altra prospettiva>. Scelta ottima ed ora eccomi qua!”

Poco prima di compiere il 18esimo anno di età arriva anche il primo fischio ufficiale : era il 12 ottobre 2002 e nella categoria Giovanissimi Provinciali Marinelli compila il suo primo referto annotando la vittoria in trasferta del Tivoli 1919 ai danni della Tibur 1999 (2-0).
Ventotto mesi ed il 13 febbraio 2005 arriva anche il debutto in Promozione : Fregene – Pro Maremmana finisce 2-1 ed anticipa di tredici mesi il debutto in Eccellenza che registriamo il 26 marzo 2006 nella gara Divino Amore – Ladispoli (finisce anche qui 2-1).

Parola chiara e netta a Livio per i ringraziamenti : “Beh, il libro dei ringraziamenti è bello grande. Innanzitutto la mia sezione! E’ lì che ho incontrato persone splendide che mi hanno fatto crescere come persona prima e come arbitro poi. Ed è tra loro che ho le amicizie più importanti. Poi un ringraziamento non può che andare ai miei genitori che mi hanno sempre sostenuto ed appoggiato. Sono i miei primi tifosi. Mio padre ad esempio mi ha sempre seguito fin dalle primissime gare e da quando giro per l’Italia e non può più farlo, è sempre lì in attesa della mia telefonata post-gara. E poi ultima ma non ultima, a Simona, che forse più degli altri condivide la parte “sacrifici” per questa mia passione e nonostante tutto è sempre lì vicino a me a sopportarmi ma anche ad incoraggiarmi e a spingermi a fare bene”. Chiaro.

Per la pagina dei ricordi, un altro spaccato della vita dell’Aia, specchio di come nell’Associazione Italiana Arbitri albergano sentimenti e rapporti che da soli valgono veramente tanto. Sentite Livio Marinelli : “Il mio ricordo più bello è recente e collegato sempre alla mia sezione . Come posso non ricordare Antonello, Armando, Daniele, Francesco e Simone che il sabato prima che partissi per la mia missione in Afghanistan, sono partiti da Tivoli e sono arrivati a Mestre per trascorrere solo una serata insieme. Abbiamo cenato ed oltre a darmi un grandissimo abbraccio prima della mia partenza, mi hanno portato il gagliardetto della nostra sezione con dietro tutte le firme dei colleghi. E’ stata una serata stupenda”. Niente da aggiungere!

E sulle cose da invece cancellare, Marinelli è esplicito : “Non riesco a pensare ad un qualcosa da cancellare. In fondo anche le situazioni più delicate o ‘l’incontro ravvicinato con un calciatore’ avuto anni fà, sono state tutte esperienze che mi hanno fatto crescere e maturare. E ripeto, sia come arbitro, ma ancor di più come uomo.”

******************************

Livio Marinelli è alla sua quarta stagione in Can D con alle spalle una sola stagione nella Cai. Di seguito alcuni dati statistici aggiornati allo scorso campionato.

Il suo debutto nelle Commissione Nazionale Cai avviene – secondo il nostro tabellone sicuramente estremamente lacunoso per quella stagione – solo l’11 novembre 2007 in Toscana per la gara di Eccellenza Pianese – Baldaccio Bruni (1-1 il risultato finale) bissata la domenica successiva in Abruzzo (Notaresco – Francavilla a Mare 3-0).Quattro gare poi a dicembre : giorno 2 e giorno 9 in Umbria (rispettivamente per Deruta – Castelrigone 2-0 e per Semonte – Gualdo 2-1); giorno 15 una gara juniores (l’unico segno due refertato in Bassano Romano – san Felice Normanna 2-3) e giorno 23 in Calabria per Scalea – Hintereggio (0-0).
Gennaio 2008 inizia con una gara Juniores (Rieti – Vasto 0-0 il 19) e finisce il 27 in Abruzzo per la gara di promozione Rosetana – Sant’omero 2-2.
Marzo presenta tre partite : giorno 2 in Juniores Frascati – Isola Liri 6-3, giorno 9 nelle marche per Castelfrettese – Civitanovese 1-1 e giorno 30 in Sicilia per Gattopardo – Splendore Villabate 2-0. Ci risultano poi infine altre tre gare : in Umbria il 13 aprile 2008 Castelrigone – Deruta 1-1; in Campania il 27 aprile Striano – Arzanese 3-0 ed infine l’11 maggio 2008 Suzzara – Palazzolo 2-1.
Complessivamente quindi 15 partite : undici in eccellenza , tre in Juniores ed una in promozione con un score del 46,66% di segni uno (sette), il 46,66% di segni ics (7) ed il 6,68% di segni due (1) con una media gol complessiva di 2,800 gol a partita frutto dei 42 gol refertati complessivamente di cui 28 gol segnati dalle squadre di casa e 14 realizzati dalle squadre in trasferta.

ESORDIO IN CAN D
Avviene – in campionato – il 7 settembre 2008 nella prima giornata del girone F : il Casoli vince 2-0 sul campo del Centobuchi con sei ammonizioni equamente divise e con un calcio di rigore per la squadra vittoriosa.
La terna di quella gara era completata Leonardo Fieri ed Alessandro Antonsambetta, entrambi da Terni. Fieri chiude le sue quattro stagioni in can D con 74 gare di cui nove in Coppa, mentre Antonsambetta ha concluso la sua terza stagione con 60 gare di cui sette in Coppa.

PARTITE DIRETTE IN CAMPIONATO
Ad oggi, nelle tre stagioni (si potrebbe meglio dire due e mezza!) in Can D, ha fischiato in 39 gare di campionato con uno score che privilegia le squadre in trasferta : annotiamo infatti sette segni “uno” (17,95%), quindici segni “ics” (38,46%) e diciassette segni “due” (43,59%).
Domenica 8 maggio, nella 38esima giornata del girone I, Livio Marinelli ha concluso la stagione regolare allo stadio Dirceu di Eboli per la movimentatissima Ebolitana – Forza e Coraggio Benevento. Non è mancato nulla in questa gara : aggressioni pre gara, due calci di rigore per la squadra di casa , un cartellino rosso per un giocatore di casa, tre dirigenti locali espulsi, dodici ammonizioni equamente divise (gara record nello score di Martinelli), squalifica del campo di gara per una giornata per l’Ebolitana. Per un 3-1 finale che sancisce la promozione in Lega Pro della compagine campana.
In terna con l’arbitro tiburtino, c’erano gli assistenti Salvatore Stasi da Barletta ed Emanuele Prenna da Molfetta che continuano la loro avventura nel post campionato e domenica 15 maggio saranno impegnati nel derby campano Sibilla Bacoli – Viribus Unitis, altra tappa di probabile avvicinamento alla Lega Pro.

PRESENZE NEI GIRONI
Anche lui chiude la stagione regolare senza aver diretto gare nel girone G (quello che di norma racchiude le squadre laziali). Ha infatti diretto in carriera undici gare nel girone C, sette nel girone I (tra le quali Trapani – Hinterreggio del 4 gennaio 2009 : è il primo 0-0 della carriera in Can D con cinque gialli per i padroni di casa ed un rosso per gli ospiti). Poi quattro garenei gironi D, E (tra le quali Pontevecchio – Arrone 1-2 il 14 dicembre 2008 con cinque gialli complessivi di cui uno per i padroni di casa che beccano un rosso ed un rigore contro) ed F e tre nei gironi A, B ed H (tra cui Francavilla sul Sinni – Turris 1-1 il 16 novembre 2008 con tre gialli di cui uno per gli ospiti).
In questa stagione lunga pausa sui campi della serie D durante la quale è andato in Afganistan per servire la Patria. Il girone C sancisce le gare della sua interruzione e della sua ripresa. Si ferma il 21 novembre 2010 dopo Union Quinto – San Paolo Padova (-12 con tre gialli di cui uno per i padroni di casa), riprende il 17 aprile 2011 con Montebelluna – Venezia (0-0 con cinque gialli di cui due agli ospiti)

RISULTATI DIVERSI
Sono in totale 13. Ben nove volte le gare si sono chiuse in parità senza gol (tra queste Sambenedettese – Forlì nella gara inaugurale di questa stagione il 12 settembre scorso con cinque gialli di cui due per i padroni di casa), mentre sette volte ha refertato l’1-2 (tra questi Carpi – Ponsacco l’11 ottobre 2009 con cinque gialli di cui due per i toscani). Poi tre volte ha annotato 0-2, 2-2 ed 1-3. Quindi due volte 1-0, 1-1, 3-1 e 0-3. Una sola volta infine 2-1 (Vecomp – Tamai il 18 aprile 2010 con tre gialli di cui uno per gli ospiti che calciano anche un calcio di rigore), 4-1 (Domegliara – Montecchio Maggiore il 4 aprile 2009 con quattro gialli di cui tre per i padroni di casa che beneficiano di due calci di rigore) e 3-0 (la terza gara della prima stagione il 5 ottobre 2008 : Forcoli – Scandicci con tre gialli di cui due per i padroni di casa).

IMPIANTI VISITATI
Nelle 39 gare di campionato ha diretto due volte solo sui campi del Belluno (due pareggi : uno 0-0 con il Montebelluna il 18 gennaio 2009 con tre gialli di cui due agli ospiti e l’altro 2-2 il 27 settembre 2009 con la Virtus Vecomp che subisce tutti le quattro ammonizioni della gara e l’unico rosso) e della Virtus Entella (due 0-0 con la Lavagnese l8 marzo 2009 con tre gialli di cui uno agli ospiti e con il Borgorosso il 31 gennaio 2010 con sei ammonizioni di cui due per i padroni di casa che sbagliano un calcio di rigore).
In totale dunque sono 37. gli impianti visitati tra i quali quello di Cecina quando finisce 0-0 con il Fossombrone il 14 febbraio 2010 con tre ammonizioni di cui una agli ospiti.

SQUADRE DIRETTE
Le squadre in Can D invece incrociate sono 67.
Sono undici le squadre dirette due volte : detto già di Belluno e Virtus Entella, troviamo anche l’Abignasego (sconfitta in casa il 22 marzo 2009 con il Carpi 3-1 con sei gialli di cui due contro la squadra ospite e pareggio in trasferta 2-2 sul campo dell’Este con cinque gialli di cui quattro contro i padroni di casa nella gara inizialmente programmata il 20 dicembre 2009 e poi disputata il 20 gennaio 2010), il Montebelluna (anche la seconda gara finisce in parità 0-0), il Venezia stesso (vince l’altra gara con il Torviscosa, in trasferta 3-1 il 10 ottobre 2010 subendo le uniche tre ammonizioni della gara ed un calcio di rigore contro), il Francavilla sul Sinni (due pareggi), il Tamai (pareggio e sconfitta), la Virtus Vecomp (vittoria e pareggio), il Carpi e la Sestese (vittoria e sconfitta) e l’Ebolitana (vittoria e pareggio 0-0 il 7 novembre 2010 sul campo della Rossanese che subisce cinque gialli ed un rosso rispetto all’unico giallo dei campani).
Tra le 56 squadre incrociate una sola volta il Bolzano (0-0 in casa il 22 febbraio 2009
Con il Tamai con cinque gialli di cui quattro ai padroni di casa che rimediano anche un rosso).

EXTRA CAMPIONATO
Detto che ha dovuto rinunciare ad una trasferta in Campania (il 19 ottobre 2008 quando fu rinviata Savoia – Adrano per la contemporanea visita del Papa e poi nel recupero il 13 novembre 2008 fu designato il collega Luigi Caravita da Cosenza), fin’ora nelle tre stagioni di Can D, Livio Marinelli ci risulta essere stato impegnato in almeno altre undici gare : otto negli Allievi Nazionali , una nei Giovanissimi Nazionali (la gara degli ottavi di finale Frosinone – Vicenza 0-0 il 23 maggio 2010), una in Coppa Italia (la gara di ritorno dei sedicesimi di finale il 29 ottobre 2008 Pomigliano – Sapri 1-1) ed una gara di Play out (Renato Curi – Centobuchi 2-0 il 6 giugno 2010).
Naturalmente allungherà questa striscia con altre gare nel post campionato di questa stagione che parte domenica 15 maggio.

COMPAGNI DI VIAGGIO
Nelle 42 gare complessive con terna nazionale che compongono il nostro archivio, Marinelli ha diretto con 65 assistenti diversi. Capolista dei compagni di viaggio (con 4 gare) Paolo Bernabei da Tivoli (chiude la terza stagione in Can D con 59 gare di cui una in Coppa ed è in attesa di essere impegnato nel post campionato). Poi con tre gare Paola Culicelli da Ostia Lido : ha chiuso la seconda stagione in Can D con 41 gare di cui una in Coppa ed è anche lei in attesa di essere impegnata nel post campionato. Poi troviamo con due gare insieme altri 13 assistenti. In attesa di essere impegnati nel post campionato Davide Argentieri da Viterbo (60 gare in tre anni di cui una nei play dello scorso anno e quattro in coppa), Gianluca Pizzi da saronno (53 gare in tre stagioni di cui tre in Coppa) e Riccardo Salmaso da Portogruaro (41 gare di cui quattro in Coppa in due stagioni); già in campo nelle gare play off di domenica 15 maggio in Teramo – Jesina Francesco Barbetta da Albano Laziale (79 gare per lui in quattro stagioni di cui cinque in coppa e due nei play della scorsa stagione) e Massimiliano Petrillo sempre da Albano Laziale (55 gare di cui quattro in Coppa in tre stagioni) ed in Grottaglie – S.Antonio Abate Luka Nissanka Calcopietro da Ostia Lido (59 gare in tre stagioni con due nei play della scorsa stagione e cinque in coppa). Poi ancora con due presenze insieme a Marinelli Giovanni Colombo da Busto Arsizio (67 gare in tre anni con due in Coppa Italia), Matteo Dallatommasina da Parma (58 gare in tre stagioni di cui tre in Coppa), Francesco Dell’Aglio da Ciampino (dismesso il 30 giugno 2009 dopo quattro stagioni e 61 partite di cui otto in Coppa), Daniele Ferronato da Trieste (dismesso lo scorso 30 giugno dopo due stagioni e 33 gare di cui due in Coppa), Gorazs Husu da Trieste (anche lui dismesso il 30 giugno 2010 ma dopo quattro stagioni con 68 gare di cui sei in coppa), Carmine Iarrobino da Modena (ha chiuso la terza stagione con 57 gare di cui tre in Coppa), Andrea Tavarnesi da Arezzo (ha chiuso il 30 giugno 2009 con tre stagioni e 52 gare di cui sei in Coppa) e Alessandro Truciolini da Arezzo (dismesso il 30 giugno 2010 dopo quattro stagioni e 74 gare di cui 6 in coppa).
Completano la lista dei compagni di viaggio altri 49 assistenti con cui Marinelli è uscito una sola volta.

GOL
85 le reti messe a referto fino a questo momento con 35 marcate dalle compagini di casa e 50 dalle squadre viaggianti. La media si assesta su 2,178. Già annotate le gare con più reti, resta da evidenziare l’altissima percentuale di gare senza gol (nove su trenta nova), un altro dato balza evidente. Ci sono solo altre tre gare nello score della serie D in cui la squadra in trasferta non ha fatto gol e tra questa una è stata diretta in questa stagione : il 1° maggio il Marsala batte l’Acireale 1-0 con quattro cartellini gialli di cui tre per gli ospiti.

AMMONIZIONI
Ha estratto nelle 39 gare di campionato fin qui dirette 191 cartellini gialli di cui 113 alle squadre di casa e 78 a quelle viaggianti con una media complessiva di 4,897 gialli a partita.
Già detto della gara con il maggior numero di ammonizioni, subito dopo troviamo con dieci gialli la gara – sempre in Campania – Bacoli – Francavilla Fontana del 21 settembre 2008, seconda gara in assoluto in serie D : vincono i pugliesi 2-1 con i padroni di casa che beneficiano di un calcio di rigore e rimediano sei gialli ed un rosso contro le quattro ammonizioni degli ospiti.
Poi due gare con otto gialli : equamente divisi in Perugia – Monteriggioni 1-2 il 26 settembre 2010 e sei contro la squadra di casa in Borgosesia – Sestese 1-0 del 27 marzo 2010.
Troviamo poi tre gare con sette ammonizioni e cinque con sei (tra queste la netta vittoria del Montichiari 3-0 sul campo del Palazzolo sull’Oglio il 17 gennaio 2010 con cinque gialli ed un rosso per i padroni di casa).
Quindi Marinelli ha diretto nove partite distribuendo cinque cartellini gialli (tra queste iil 14 marzo 2010, tre contro la squadra di casa nella vittoria esterna 2-0 del Borgo a Buggiano sul campo del Riccione, risultato prima ribaltato a favore del Riccione dalla Commissione Disciplinare per posizione irregolare di due giocatori e poi ristabilito dalla Corte Federale) e sempre cinque gare con quattro ammonizioni (tra le quali, tre contro i padroni di casa che subiscono pure un cartellino rosso il 6 dicembre 2009 in Jesolo – Pordenone 1-2). Chiudono poi undici partite con tre ammonizioni (da citare il derby siciliano Milazzo – Modica 0-1 il 22 novembre 2009 con un giallo per gli ospiti) e due con due ammonizioni (contro la squadra di casa in Città di Castello – Castel Rigone 0-1 del 28 febbraio 2010 ed una per parte in Pianura – Francavilla sul Sinni 2-2 il 16 maggio 2010).

CALCI DI RIGORE
Ne risultano concessi – salvo errori – quattordici in totale (quattro alle squadre viaggianti) con una media di 0,359. Già citate le gare con doppio penalty (due), restano da evidenziare altri quattro penalty. Ne beneficiano la Sestese (il 1° febbraio 2009 vittoria in trasferta 2-1 sul campo della Caratese che rimedia anche le uniche tre ammonizioni della gara), l’Atessa Val di Sangro (il 13 settembre 2009 batte in casa 3-1 la Renato Curi Angolana che rimedia quattro gialli contro i tre dei padroni di casa), l’Acicatena (l’8 novembre 2009 pareggia 1-1 in casa con il Castrovillari con tre gialli di cui uno per gli ospiti ed un cartellino rosso per entrambe le squadre) ed il Campobasso (lo sbaglia e viene sconfitto in casa il 2 maggio 2010 dal Miglianico per 1-0 con Marinelli che che equidistribuisce quattro ammonizioni).

ESPULSIONI
Stesso numero di cartellini rossi (quattordici) di cui undici contro le squadre di casa . La media complessiva si assesta su – come per i penalty – su 0,359 a partita.
Già evidenziate le gare con doppio rosso, rimangono da sottoscrivere gli ultimi due rossi nelle ultime due gare che così completano il tabellone delle gare dirette da Livio Marinelli in Can D.
La prima si disputa il 25 aprile 2009 in Liguria : il Pro Settimo vince in trasferta 3-1 sul campo del Sestri Levante con sette gialli complessivi di cui cinque alla squadra di casa che rimedia anche un rosso.
La seconda invece si gioca in Campania, sotto i nostri occhi : il 25 ottobre 2009 la Viribus Unitis di Somma Vesuviana viene sconfitta in casa 2-0 dai siciliani del Palazzolo che rimangono immuni da provvedimenti disciplinari mentre la compagine di casa rimedia cinque ammonizioni ed un rosso.

Post to Twitter

Comments are closed.

Albizia Theme designed by itx
Segui Venezia United!