News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

Gazzettino: «GRINTA E DETERMINAZIONE PER CONTINUARE A VOLARE»

Come di consueto è affidata a Marco De Lazzari la presentazione della partita attraverso le parole di Falzerano

L’ex Falzerano, protagonista dell’avvio di stagione, presenta la gara di Ascoli

«Venezia in crescita ma non appagato. Andiamo sempre in campo per vincere»

Venezia ad Ascoli per centrare un altro colpo esterno, confermarsi il “top team” fuori casa e salire ancora. Nessuno ammette di guardarla, ma la sontuosa classifica della matricola – distante un solo punto dalla vetta della B alla vigilia della nona giornata – regala all’odierna trasferta al “Del Duca” tutti i connotati della classica occasione da sfruttare.
«L’Ascoli ha otto punti contro i nostri 13, conosco l’ambiente e credo proprio che questo pomeriggio tutte le pressioni saranno sui bianconeri – prevede Marcello Falzerano, uno degli ex con Domizzi, Del Grosso (compagni nella Serie A 2005/06) e Andelkovic – quindi significa che starà a noi aumentare ancora questo loro peso. Due settimane fa a Terni è stato il top, non capiterà tutte le volte di segnare subito dopo meno di due minuti, tuttavia anche oggi al fischio d’inizio dovremo essere già carichi e grintosi come sappiamo essere». Domenica scorsa battendo il Carpi per 2-0 con Marsura e Pinato il Venezia ha vinto la sua terza gara in campionato, la seconda consecutiva e nelle Marche insegue il tris dopo i blitz di Bari e Terni. «Volevamo fortemente ritrovare la vittoria al Penzo, non per questo però la definirei liberatoria. Avendo superato il Carpi abbiamo compiuto un altro passo nel percorso di crescita e adattamento a un campionato nuovo per molti di noi. Ci sentiamo tutto fuorché arrivati, vogliamo migliorarci e superare i tanti ostacoli che troviamo davanti a noi». Per Falzerano il ritorno ad Ascoli suscita ricordi agrodolci.
«Arrivai nel 2013/14 dal Grosseto dopo il mio primo assaggio di Serie B. In bianconero giocai 13 partite tutte da titolare con un gol a Catanzaro, un campionato di Lega Pro1 strano perché senza retrocessioni, poi in corsa cambiò la dirigenza che mi aveva voluto (a dicembre il club fu dichiarato fallito, ndr), così a gennaio passai al Gubbio. Ricordo positivamente una piazza bellissima, appassionata e anche esigente, per questo credo che adesso i tifosi, sempre attenti e presenti, non si attendanoaltro che il riscatto». Su che partita interpreterà il Venezia Falzerano non ha dubbi. «Noi non ci snaturiamo mai, non facciamo calcoli e manteniamola solita identità, quindi anche oggi vogliamo vincere. Finora l’attenzione difensiva ci sta dando frutti importanti, nelle ultime gare siamo cresciuti nella qualità del gioco, nonché in pericolosità e precisione in zona gol. Continuità resta la parola d’ordine».

Forse Inzaghi lancia Geijo con Zigoni

A centrocampo ballottaggio tra Suciu e Pinato

Per la prima volta in stagione Pippo Inzaghi ha davvero l’imbarazzo della scelta questo pomeriggio ad Ascoli. In un 5-3-2 sempre più collaudato tra i pali al posto di Vicario torna il titolare Audero, assente contro il Carpi per gli impegni con l’Italia Under 21 (l’ex Juve ha giocato titolare a Ferrara nel 4-0 al Marocco); il terzetto di centrali vedrà sempre Andelkovic, Modolo e capitan Domizzi, con Zampano esterno a destra e Garofalo (al debutto una settimana fa dopo il lungo infortunio) sulla sinistra, favorito su Del Grosso. Passando al centrocampo intoccabili Bentivoglio in regia e Falzerano come interno destro di spinta, con Suciu e Pinato (buon innesto in corsa con tanto di gol di 2-0 al Carpi) a giocarsi il posto. Arrivati all’attacco qui Inzaghi può fare tutto e il contrario di tutto: logica vorrebbe la riconferma di Zigoni-Marsura, ma Moreo è ristabilito come Geijo, quindi il tecnico potrebbe anche cedere alla tentazione di schierare la coppia Zigoni- Geijo. La squadra (al cui fianco c’è il neo responsabile dell’area tecnica, Leandro Rinaudo) ieri mattina ha svolto la rifinitura ad Ascoli, dove oggi sarà sostenuta da 150 tifosi in partenza dalla laguna. Con una sola sconfitta (al Penzo col Parma) in otto uscite, il Venezia è a -1 dal tris Empoli, Frosinone e Palermo: queste ultime oggi si sfideranno in terra laziale mentre l’Empoli, nel posticipo di lunedì sera, giocherà a Chiavari con l’Entella la prima di due trasferte consecutive e ravvicinate, visto che tra una settimana i toscani
arriveranno al Penzo (ore 15).
AL DEL DUCA – Era guidato da Gianfranco Bellotto l’ultimo Venezia corsaro ad Ascoli. Il 2 marzo 2003 in Serie B gli arancioneroverdi si imposero per 2-1, con i gol del brasiliano Anderson e di Maurizio Rossi a ribaltare l’autorete di Maldonado.
PRIMAVERA – Riparte oggi il campionato Primavera 2. Nella 5. giornata il Venezia (6 punti finora, avendo battuto Carpi, Novara e perso con Spezia e Cittadella) ospita il Parma (4 punti con una gara in meno) alle ore 15 al Panisi
di Mogliano.