News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

IL GAZZETTINO “Giorni di festa per gli arancioneroverdi”

La festa della società ieri, oggi la Cena di Natale di VeneziaUnited. Sono giorni di festa per gli arancioneroverdi che attendono la sfida di domenica con la Maceratese per chiudere in testa il girone di andata. La festa della società raccontata da Luca Miani sulle pagine de Il Gazzettino, di Marco De Lazzari il notiziario (con l’annuncio della Cena di Natale di VeneziaUnited in programma questa sera):

Serata natalizia con il presidente Tacopina entusiasta: “Ottimo ritmo per raggiungere la B”

Festa grande al Venezia

di Luca Miani

Festa grande per un Venezia che ha ritrovato la vetta della graduatoria della Lega Pro con il successo ottenuto lunedì sera a Bergamo sull’Albinoleffe (1-0).
La formazione lagunare, assieme ai tecnici e alla dirigenza guidata dal presidente Joe Tacopina, ha festeggiato il Natale ieri sera alla Compagnia della Vela a San Giorgio. Una festa in famiglia che ha visto evidenziata la grande armonia esistente nel club lagunare, l’arma in più che questa squadra sta dimostrando di avere in questa prima parte del campionato.
Clima rilassato e scherzoso che ha coinvolto un po’ tutti gli ospiti, a pochi giorni dall’ultimo impegno del girone d’andata in programma domenica alle 16.30 al Penzo contro la Maceratese: in palio adesso c’è il titolo di campione d’inverno.
Il presidente ha voluto sottolineare il cammino esaltante della squadra. «Abbiamo nel mirino la serie B e il ritmo con il quale procediamo mi pare sia proprio quello giusto. Gli sportivi e la città si sono riavvicinati alla nostra squadra che sta dimostrando di essere un gruppo davvero unito, eccezionalmente coeso.
Anche il ds Giorgio Perinetti ha sottolineato l’unita dello spogliatoio ricordando che il bello di essere primi è quello di cercare di mantenersi primi sino a maggio.
Al dg Dante Scibilia il compito di ricordare il cammino del Venezia nell’ultimo periodo è il risveglio di interessa da parte dell’imprenditoria, mentre l’assessore Paolo Romor ha portato il saluto del sindaco Luigi Brugnaro ringraziando il tecnico Pippo Inzaghi e la squadra per i risultati che stanno ottenendo.
Festa intensa, poichè il Natale sarà davvero breve per il Venezia: in campo il 23 (a Forlì) e poi subito il 30 (al Penzo con il Mantova).

gazz141216

ANCORA IN VETTA

Un gruppo con tantissima voglia di vincere

di Luca Miani

Voglia di vincere. Tantissima.
Il Venezia continua a dimostrarla in ogni partita, ancor di più se si mette male o non si sblocca.
A Bergamo contro l’Albinoleffe l’ennesima dimostrazione di quanta sia questa fame di successi, quanta la voglia di raggiungere il traguardo che la società si è posta a inizio stagione.
E va detto che una squadra che riesce a far sue gare così rognose, nelle quali tutto sembra diventare più complicato, appare indubbiamente destinata ad essere protagonista sino in fondo.
Accantonato il bel calcio anche in terra lombarda a favore del risultato: le scelte del tecnico Inzaghi di proseguire nelle variazioni di schieramento dimostrano quanto sia versatile il collettivo del Venezia ma evidenziano anche chiaramente come il livello della qualità proposta – pur mantenendosi buono – non sempre è costante, anzi.
Intanto il Venezia si gode nuovamente il trono della Lega Pro: 38 punti in 18 gare, con undici vittorie e cinque pareggi e soprattutto solamente 12 gol subiti.
Un ruolino più che incoraggiante a fronte di una concorrenza che non pare proprio decidersi a mollare: ma l’affollamento in vetta comincia a diradarsi.
Ora servirebbe un’accelerata decisa.

IL PERSONAGGIO È valso l’1-0 sull’Albinoleffe

Ferrari: «Un gol arrivato anche grazie alla profezia di Inzaghi»

di Marco De Lazzari

Pippo Inzaghi era stato buon profeta, lanciando Nicola Ferrari con un convinto «è il suo momento, sarei felicissimo se segnasse il gol vittoria». Detto fatto e ottimismo mai così ben riposto quello del tecnico lagunare, infatti proprio il numero 9 ha trafitto l’AlbinoLeffe firmando il terzo 1-0 in nove giorni, sinonimo per il Venezia di primato solitario (con l’unico neo della frattura al mignolo del piede destro subìto con un pestone da Domizzi, in dubbio per la Maceratese). Un jolly pesante quello pescato all’83’ da un Ferrari che meglio non avrebbe potuto rientrare dopo la stecca col Padova. «Quell’espulsione, i gol che avrei potuto fare ma non ho fatto, non ho mai cercato scuse e ho sempre detto colpa mia. Ora sono felice di aver risolto una gara importantissima, perché gli altri risultati avevano scaricato tutta su di noi la pressione di dover vincere per forza. Ringrazio il mister per la profezia, tra noi c’è un ottimo rapporto, a prescindere da quanto gioco o incido. Il Venezia vuole vincere, è davanti a tutti quindi ha ragione Inzaghi».
Il 33enne trentino è al quarto gol stagionale, ma prima di lunedì in campionato aveva fatto centro solo col Lumezzane al Penzo. «So bene ciò che di positivo o negativo ho fatto finora, a Bergamo quando ho segnato mi sono passate tante cose per la testa, ora mi auguro solo sia solo un inizio perché sto sudando molto per gioire con questa maglia».
Ferrari taglia corto sulla voce di mercato che lo vorrebbe nel mirino della Sambenedettese (mentre il Venezia avrebbe sondato Di Piazza del Vicenza). «Una voce forse effetto della mia espulsione col Padova sorride ma impossibile, perché io non mi muovo e voglio vincere qui».
Domenica al Penzo c’è la Maceratese (ore 16.30, prevendita a prezzi scontati in sede, sportelli Vela e www.vivaticket.it) che oggi ospita il Lumezzane (Reggiana-FeralpiSalò l’altro recupero). Per squalifica out Bentivoglio ma Inzaghi ritrova Garofalo. «Un match fondamentale, l’equilibrio del campionato un po’ mi spaventa, ma la classifica si sta delineando e con la Maceratese avremo un’altra occasione da sfruttare per confermarci soli in vetta».
Stasera i tifosi di VeneziaUnited festeggeranno il Natale con dirigenti e giocatori a La Perla Rosa di Borbiago.