News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

IL GAZZETTINO “Inzaghi: la sorpresa siamo noi. Tifosi: in tanti a Pordenone. Supporters in Campo a convegno”

Per mister Inzaghi la vera sorpresa del torneo sono gli arancioneroverdi. Riflettori sui tifosi: dall’assemblea nazionale di Supporters in Campo alla trasferta di Pordenone si parla anche di VeneziaUnited, impegnata nel’organizzazione del pullman per la sfida coi neroverdi friulani e una cui delegazione ha partecipato nello scorso weekend all’incontro nazionale dei supporterts trust italiani. Così Marco De Lazzari su Il Gazzettino di oggi:

L’allenatore dei lagunari inquadra così il big-match contro il Pordenone in trasferta

Inzaghi: «Vogliamo continuare a stupire»

di Marco De Lazzari

«Il Venezia essendo nato da poco, e pressoché da zero, è la vera sorpresa. Il Pordenone invece è una realtà consolidata ed è giusto che si senta il più forte».
Così Pippo Inzaghi inquadra il big match che domani – stadio Bottecchia ore 20.30 – opporrà le due battistrada del girone B di Lega Pro. Alla vigilia il Venezia è davanti di un punto, ma il tecnico arancioneroverde concorda con il numero uno friulano, Mauro Lovisa, che sul portale Tuttomercatoweb non ha nascosto le ambizioni neroverdi.
«Il Pordenone si sta confermando sugli alti livelli dello scorso campionato, quando si era fermato solo in semifinale playoff contro il Pisa poi promosso in B – sottolinea Inzaghi -. No, non ho chiamato Rino (Gattuso, tecnico pisano, ndr) per chiedergli come l’aveva battuto. Non ce n’è bisogno perché so bene che affronteremo un team quadrato e collaudato. Arma? È un attaccante che ha fisico e velocità, ha già segnato 7 reti finora, io però non lo cambio con i miei giocatori». L’allenatore lagunare traccia i contorni di un Venezia sempre più sicuro del fatto suo dopo le tre vittorie di fila con Parma, Ancona (entrambe in trasferta) e Lumezzane.
«Non era facile immaginarci subito in vetta, perché qui è cambiato tutto e per trovare i giusti meccanismi occorre sempre tempo. Le nostre idee sono chiare, ci piace comandare il gioco e tenere il pallino in mano, poi fin dall’inizio lavoriamo molto sull’aspetto difensivo perché di solito vince chi subisce meno gol. Finora ne abbiamo presi solo due, dopo 5′ contro la Reggiana e su un rigore dopo 1′ ad Ancona, ma in ogni partita bisogna confermarsi».
Ad oggi il Venezia è indecifrabile sul piano tattico, dati i numerosi cambiamenti delle ultime uscite.
«Il Pordenone gioca con due punte e sto pensando anche al 3-5-2, ma il modulo lo sceglierò domani, non prima di aver individuato i migliori dieci da mandare in campo. Oggi sapremo se a Baldanzeddu sconteranno una giornata di squalifica, in ogni caso in difesa Luciani ha fatto bene e Malomo finalmente è al 100 per cento non avvertendo più dolori ai tendini».

ASSEMBLEA ANNUALE

A Verona “Supporters in Campo” perchè il calcio non perda l’anima

«Il calcio senza tifosi perde la propria anima». Il rischio è stato ribadito a Verona nell’assemblea annuale di «Supporters in Campo», cui ha partecipato anche VeneziaUnited, il supporters trust del Venezia. Eloquente la locandina della due-giorni (un vecchio pallone con la scritta «Riprendiamocelo») ospitata da Verona Col Cuore, il trust dell’Hellas, nel corso della quale associazioni e community club si sono confrontate sull’obiettivo di promuovere la partecipazione e il coinvolgimento dei tifosi nella gestione (la cosiddetta «governance») dei club. I partecipanti hanno scambiato le proprie esperienze con il movimento nazionale dei supporters svedesi – Svenska Fotbollssupporterunionen – e altre organizzazioni e società interamente gestite dai tifosi. Riflettori puntati anche sul «Progetto Erasmus+», cofinanziato dal programma Erasmus+ dell’Unione Europea e della Uefa e coordinato da Supporters Direct: il progetto biennale fonda sui principi di buona gestione nello sport e si sviluppa con sessioni formative, educative e di interscambio culturale con i club di proprietà dei tifosi e i trust nazionali.

QUI TIFOSI

In oltre duecento a Pordenone per sostenere gli arancioneroverdi

Saranno più di 200 i tifosi arancioneroverdi al seguito del Venezia a Pordenone. Entro le 19 odierne gli appassionati muniti di Supporter Card possono acquistare i biglietti per la gradinata ospiti del Bottecchia, a Mestre alla tabaccheria Atlantis (via Forte Marghera 137) e sul sito www.ticketland1000.com, mentre non è attiva la Libreria Goldoni a Venezia. Il Pordenone ha comunicato che la tribuna coperta (centrale e laterale) è già esaurita: la gradinata ospiti ha una capienza di 800 posti (sui quasi 3.000 dello stadio) ma non è prevista la vendita di biglietti ai botteghini. La società friulana tuttavia aderisce all’iniziativa «Porta un amico allo stadio», quindi i residenti in Veneto titolari di Supporter Card possono acquistare un biglietto anche per un proprio conoscente non tesserato. Gli ultras affronteranno la trasferta con mezzi propri, ritrovo dalle 18 e partenza alle 18.30 dal parcheggio del Mediaworld di Mestre (zona Auchan). L’associazione VeneziaUnited organizza invece un pullman che partirà alle 18.15 dal Tronchetto e alle 18.30 dal Taliercio (adesioni a 15 euro, info@veneziaunited.com).