News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

IL GAZZETTINO “Per la serie B servono i tornelli e torna d’attualità il progetto Penzo senza barriere”

Nelle interviste concesse ieri dal presidente Tacopina si è parlato dell’adeguamento del Penzo per l’eventuale pronmozione in serie B. Oggi il dg arancioneroverde Dante Scibilia, sentito da Marco De Lazzari per Il Gazzettino, torna sull’argomento. E torna di attualità anche l’eliminazione delle recinzioni, proposta a suo tempo da VeneziaUnited con il progetto “Penzo senza barriere“:

La società già programma gli interventi necessari mentre la squadra inizia a preparare la partita di lunedì a Bassano

Per la B al Penzo serviranno i tornelli

di Marco De Lazzari

All’orizzonte il ritorno in serie B dopo dodici anni, tanto basta in casa Venezia ad affrontare per tempo il tema-Penzo.
Lo stadio di Sant’Elena, come già ammesso al Gazzettino dal presidente Joe Tacopina («Stiamo già lavorando per adeguarlo per essere pronti in caso di promozione») potrà ospitare gli arancioneroverdi anche nella cadetteria ma un restyling sarà inevitabile.
«Ci attende un intervento rilevante, invasivo e molto costoso – anticipa il dg Dante Scibilia – perché dovremo dotare di tornelli l’ingresso di tutti i settori, oltre alla fibra ottica per il relativo software di gestione. Il prefiltraggio sarà sempre all’esterno, mentre i tornelli a tutta altezza saranno doppi all’accesso di curve e distinti, singoli in tribuna».
Un adeguamento analogo è stato effettuato la scorsa estate dopo la promozione in B dalla Spal, allo stadio Mazza oggetto anche dell’eliminazione delle divisioni tra spalti e terreno di gioco. Un’opzione che non dispiacerebbe al Venezia, ferma restando la necessità di affrontare con il Comune (proprietario) tutte le questioni relative ai permessi per i lavori. Senza scordare che prima di sobbarcarsi i costi (da scalare dal canone di affitto) il Venezia dovrà avere nero su bianco il rinnovo della concessione in scadenza il 30 giugno.
«L’impianto di illuminazione è a norma – prosegue Scibilia – mentre la capienza non è un problema. Il Penzo può ospitare 7426 spettatori contro i 5500 minimi richiesti. Dal 2018/19 saranno necessari i seggiolini con lo schienale ma ci penseremo a suo tempo».
Anche il dg lagunare esorta la capolista a non abbassare la guardia nonostante il +7 sul Parma. «Le ultime due gare sono state favorevoli, certamente non a caso, ma bisogna continuare con la stessa determinazione perché il Parma non perderà punti tutte le domeniche. Il cammino è lungo e già il Bassano per qualità e bel gioco sarà un ostacolo impegnativo».
Oggi pomeriggio al Taliercio Pippo Inzaghi dirigerà la prima seduta verso Bassano-Venezia di lunedì allo stadio Mercante (ore 20.45 – arbitro Maggioni di Lecco). In vista del match uno squalificato per parte, il difensore Domizzi per i lagunari e l’attaccante Fabbro per i vicentini.

gazz150317