News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

IL GAZZETTINO “Soligo: voglio i tre punti, torno a Lumezzane senza sentimentalismi”

Ricorda i begli anni in rossoblu ad inizio carriera, Evans Soligo, ma non cede a sentimentalismi il capitano arancioneroverde. L’intervista che presenta il match di oggi per il Gazzettino è realizzata, come sempre da Marco De Lazzari che firma anche gli altri servizi sulla partita:

Oggi gli arancioneroverdi affrontano in trasferta il Lumezzane, quartultimo in classifica

Venezia, serve un’altra accelerata

di Marco De Lazzari

A quattro giorni dal blitz di Como in Coppa Italia il Venezia cerca un altro acuto in terra lombarda, stavolta nella tana del Lumezzane (ore 14.30). Un match che si presenta come un testa-coda tra gli arancioneroverdi primi da soli da 7 giornate (a quota 49 punti grazie al sofferto 2-1 casalingo con l’Ancona), e i bresciani quart’ultimi fermi da più di un mese a 22 punti. «Mancano 14 partite e nessuno può sbagliare – parla chiaro il capitano lagunare Evans Soligo – non il Venezia né il Parma che penso avrà vita dura a Bergamo con l’AlbinoLeffe. Il campionato è ancora apertissimo, però davanti ci siamo noi e vogliamo fare di tutto per rimanerci». Per Soligo sfida da ex oggi in casa rossoblù. «A Lumezzane ho giocato per due anni in C1, non centrammo l’obiettivo playoff ma per me fu un periodo molto positivo e formativo visto che in pratica mi conquistai la conferma a Venezia in serie B. Ero giovane, via di casa, 15 anni dopo mi restano ricordi positivi ma oggi mi interessano solo i tre punti». Un po’ tutti si aspettano che il team di Pippo Inzaghi continui a macinare vittorie con la stessa regolarità che, finora, l’ha visto conquistare 26 punti al Penzo e 23 in trasferta (su 13 uscite a Sant’Elena e 11 fuori). «Il Lumezzane è in difficoltà, però ha appena cambiato allenatore e spero che ciò possa giocare un po’ a nostro favore. Di solito dopo un avvicendamento si vuole dimostrare qualcosa e si è più intraprendenti, quindi ci auguriamo di trovare un avversario abbastanza intraprendente. Se così fosse starà a noi sfruttare gli spazi e le occasioni che creeremo. Dovremo partire forte e fare subito la partita, perché il fatto che loro abbiano la seconda miglior difesa del campionato deve farci alzare le antenne». Soligo a 38 primavere suonate sta vivendo una seconda giovinezza e ha giocato titolare in 8 delle ultime 10 gare. «Sto bene in un gruppo che si diverte e sa dove vuole arrivare. Mister Inzaghi dal primo giorno ci trasmette la sua voglia di vincere e anche in Coppa Italia si è vista la fame di questo Venezia. Di sicuro questo primo posto vogliamo tenercelo strettissimo».

gazz120217

L’AVVERSARIO

E’ un momentaccio per i lombardi Un solo punto negli ultimi 5 turni

È davvero un momentaccio per un Lumezzane che nel 2017 ha raccolto un solo punto in 5 giornate scivolando al terz’ultimo posto. Da qui il secondo cambio di guida tecnica, con sollevamento dall’incarico di De Paola (subentrato a Filippini) sostituito dal tandem Bertoni-Nicolini. Nel nuovo anno i bresciani, dopo l’1-1 di Teramo, hanno perso al Saleri con Parma e FeralpiSalò, in trasferta una settimana fa a Bassano (2-0) e mercoledì a Gubbio (1-0). A ciò si aggiungono le difficoltà tra le mura amiche, poiché l’ultima delle tre vittorie interne risale al 7 dicembre (2-0 al Mantova con doppietta di Barbuti): 2-0 al Teramo alla prima giornata e 2-1 al Bassano alla quinta gli altri due successi, a fronte di 5 pareggi e 6 sconfitte. Il vero limite dei rossoblù è il rendimento offensivo casalingo, visto che in 12 uscite al Saleri la squadra ha realizzato appena 6 reti, pur subendone per la verità solo 7.

In avanti intoccabili Moreo e Geijo

Pippo Inzaghi con il rientro dalla squalifica di Acquadro ha tutta la rosa a disposizione e, dopo la buona e vittoriosa prestazione del Venezia-2 in Coppa Italia a Como, ha a dir poco l’imbarazzo della scelta. Anche nel modulo, poiché l’ex tec- nico del Milan dovrà decidere se rivedere subito il 4-2-4 o tornare al più collaudato 4-3-3. Tra le certezze quattro quinti della retroguardia, davanti a Facchin con i centrali Domizzi-Modolo e il terzino sinistro Garofalo, mentre a destra il favorito sembra Fabris rispetto a Malomo e Zampano. A centrocampo, dopo lo spezzone di sette giorni fa e l’impiego da esterno d’attacco in coppa, potrebbe inizia- re dal 1’ Falzerano (l’alternativa è Acquadro) nel ruolo di mezzala con Soligo: come regista lo sloveno Stulac (a riposo a Como) si gioca il posto con Bentivoglio. Infine in avanti intoccabili Geijo e Moreo – nonostante la decisiva doppietta di Ferrari in coppa – la terza maglia se la giocano Marsura e Caccavallo. Nel prossimo turno per il Venezia derby di vertice con il Pordenone al Penzo (ore 14.30), match che è stato anticipato da domenica 19 a sabato 18 per la concomitanza con il carnevale.