News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

IL GAZZETTINO “Tacopina atterra domani, è il momento delle scelte”

Ampia, come ogni lunedì, la rassegna stampa arancioneroverde de Il Gazzettino che offre ai suoi lettori una doppia pagina con gli articoli di Marco De Lazzari ed il commento di Luca Miani:

 

SUMMIT Domani rientra il presidente Tacopina che incontrerà Perinetti e Inzaghi Parma, Pordenone e Reggiana sono alla Final four: era davvero il girone più forte

Venezia programma il futuro

di Luca Miani

Nemmeno il tempo di chiudere una stagione trionfale, vissuta con grandissima intensità e con una marea di emozioni, che il Venezia deve – giustamente – fare mente locale sul futuro. Iniziare a concretizzare quelli che sono i progetti che il ds Perinetti ha già tracciato con il consenso del tecnico Inzaghi. Negli occhi degli appassionati e degli sportivi ci sono ancora le immagini delle due coppe alzate – una terza è sfuggita d’un soffio – a premiare i protagonisti di una stagione che ha risvegliato l’interesse per il calcio in città grazie a scelte azzeccate che hanno consentito di costruire un gruppo vincente, che riporta l’ambiente una categoria esaltante.
E a sottolineare l’impresa compiuta dai lagunare c’è da sottolineare come ben tre delle quattro finaliste per la promozione in serie B dei playoff – Parma, Pordenone, Reggiana e Alessandria – provengano dal girone dei lagunari, sicuramente il più competitivo.
Per definire gli interventi necessari in casa lagunare per affrontare la nuova categoria è atteso il vertice a tre tra presidente, diesse e tecnico che dovrebbe tenersi nei prossimi giorni.
Joe Tacopina rientrerà dagli States domani e quindi sarà immediatamente operativo sia per definire la parte tecnica sia per dare il via anche a tutti quegli adempimenti organizzativi che necessitano prima del suo consenso e poi della sua firma.
E nell’arco di un mese – per l’8 luglio è previsto l’inizio del ritiro a Sappada – tutto dovrà essere pronto e a puntino, per consentire al Venezia di iniziare nella maniera migliore il suo nuovo cammino in serie B.
Con la speranza che alla guida del team ci sia sempre l’accoppiata vincente Perinetti-Inzaghi.

IL RITIRO

Due periodi a Sappada, e in mezzo gli States

di Marco De Lazzari

Ad ospitare il Venezia nel ritiro verso la serie B sarà la località bellunese di Sappada, da anni nella geografia del calcio estivo avendo ospitato il Cagliari e, nell’ultimo biennio, il Torino. Il team arancioneroverde alloggerà all’hotel Valgioconda dall’8 al 16 luglio e dal 23 luglio al 4 agosto, con pausa negli States per l’amichevole del 18 luglio a Detroit. Sappada metterà a disposizione del Venezia un campo con i nuovi spogliatoi realizzati due anni fa e una tribuna naturale, ma ne verrà montata anche una in ferro. A 250 metri il palasport ospiterà gli attrezzi necessari per il lavoro in palestra, la piscina dista invece tre chilometri. Alla corsa in salita si presterà anche il percorso delle sorgenti del Piave, una delle attrazioni della Terra dei campioni. Ai piedi delle Dolomiti i 1250 metri di Sappada, infatti, sono nati fondisti campioni olimpici Silvio Fauner e Pietro Piller Cottrer, fino a Lisa Vittozzi (biathlon) ed Emanuele Buzzi (discesa libera). Dal calcio al cinema, nell’agosto 2016 a Cima Sappada (scelta fra 30 località europee) il regista Terrence Malick ha girato alcune scene del suo prossimo film Ragelund.

IL DS PERINETTI

«Servono 4 o 5 nuovi innesti La serie B non è uno scherzo»

di MDL

Se da un lato riconosce «abbiamo meno fretta dell’anno scorso», dall’altro non vede l’ora di ricominciare a lavorare alla luce del sole per un Venezia da serie B. Il direttore sportivo Giorgio Perinetti sta aspettando a braccia aperte il presidente Joe Tacopina, oggi in partenza da New York per iniziare da domani in sede a distribuire certezze ai suoi più stretti collaboratori. La matematica promozione tra i cadetti è vecchia di quasi due mesi (15 aprile) e sul piano della programmazione futura ancora mancano le due conferme più attese, quella dello stesso Perinetti e naturalmente del tecnico Pippo Inzaghi. «Ci sono tante cose da capire e in questi giorni tutto sarà più chiaro – conferma le sue aspettative il ds lagunare -. Siamo ancora in tempo per partire come si deve, con i necessari paletti al loro posto. La serie B la conosco bene, è un campionato tre volte più difficile della Lega Pro, lavorare nell’ottica di stabilizzarsi è tanto opportuno quanto doveroso». Da decifrare ci sono proprio le basi di questo consolidamento. «Sul piano dell’organico il Venezia parte senz’altro da una buona base, ma attrezzarsi per la B significa inserire 4-5 rinforzi nella struttura portante, mentre i giovani fungeranno da alternative. Gli addii? È chiaro che non tutti i protagonisti di questa splendida annata rimarranno, cercheremo di sistemare tutti al meglio, ma sul piano operativo acquisti e cessioni devono andare in parallelo, non prima le partenze e poi si vede. In B c’è il salary cap? Ci regoleremo di conseguenza, i nuovi giocatori avranno una parte fissa è una variabile legata alle prestazioni». Snodo centrale la questione-Inzaghi: quali le reali prospettive? «Io mi auguro di continuare con lui. Qui stiamo giocando dall’inizio a carte scoperte, lo scorso anno il Venezia gli aveva prospettato un campionato di Lega Pro da vincere e, per il 2017/18, una serie B nella quale prima di tutto salvarsi tranquillamente. Infatti il suo contratto prevede già un bonus-salvezza. Questa è la situazione, se poi il tecnico dovesse avere altre legittime aspirazioni ce lo dirà, ma è necessario saperlo subito e credo questa settimana con Tacopina sarà tutto chiarito». Perinetti intanto sta facendo la spola Sassuolo-Parma per seguire dal vivo le finali del campionato Primavera, ieri Juventus-Sampdoria e Fiorentina-Atalante, oggi Inter-Chievo e Roma-Lazio. «In rosa oltre ai 18 over si potranno inserire under 21 illimitati, quindi tengo d’occhio i giovani nati tra il 1996 e il 1998. A livello tecnico ci aspetta una serie B durissima, lunga 42 giornate. Il Trapani che lo scorso anno aveva fatto i playoff stavolta è retrocesso, il Benevento è in finale per la A da neopromosso ma era salito dalla Lega Pro dopo anni di tentativi e consolidamento tecnico. Per questo il Venezia deve iniziare oggi a costruire le proprie basi».

I GIOVANI

Una cantera in pieno sviluppo “I numeri sono già notevoli”

di MDL

L’esordio in prima squadra di Filippo Serena (classe ’99) e Roberto Strechie (2000) della squadra Berretti, ha premiato un anno di intenso movimento dietro le quinte. Alle spalle dei due baby, ai quali Pippo Inzaghi ha regalato un assaggio di Lega Pro, c’è però una cantera in pieno sviluppo. «Il vivaio del Venezia Fc conta 200 ragazzi ma aggiungendo l’importante supporto dell’affiliata Venezia Soccer Academy, per l’attività di base e femminile, seguiamo 320 giovani – fa il punto Mattia Collauto, responsabile del settore giovanile -. Numeri importanti, l’obiettivo però è la qualità del lavoro quotidiano sul campo». Tutto il vivaio del Venezia Fc segue una stessa filosofia. «Sul piano educativo vogliamo far toccare con mano ai nostri ragazzi che il calcio è sì divertimento, ma anche una cosa seria, fatta di impegno e sacrificio. Oltre a quel senso di appartenenza ricercato anche negli allenatori (Turato, Rossi, Mayer, Centurioni hanno tutti giocato col Venezia, ndr) che ti spinge a dare il meglio, a rappresentare a testa alta in giro per i campi i colori arancioneroverdi, per renderli riconoscibili e apprezzati. In campo, invece, a tutte le nostre squadre diamo la direttiva di giocare palla a terra, i ragazzi non devono avere paura di prendersi le responsabilità, così da crescere anche nella personalità per migliorarsi sul piano tecnico». La Berretti ha conquistato l’accesso alle fasi nazionali come l’Under 17, l’Under 15 (la prossima settimana a Budapest per un torneo) non l’ha raggiunta solo per differenza reti mentre l’Under 16 è arrivata tra le prime quattro. «Venti mesi fa qui non esisteva nulla – ricorda Collauto .-. Con la serie B torneremo a disputare il campionato Primavera, una vetrina bella e impegnativa, arriverà un nuovo allenatore ma Turato rimarrà nei nostri ranghi. Under 15-16-17 disputeranno campionati Nazionali, misurarci contro settori giovanili forti è proprio quello che cerchiamo nell’ottica di inseguire una crescita che vada oltre la classifica. E che ci auguriamo vada di pari passo con quella delle strutture al Taliercio».

gazz050617

NUOVA STAGIONE Bisognerà depositare la convenzione d’uso dello stadio

Il 20 giugno la prima scadenza burocratica

di MDL

Conclusa la stagione agonistica la patata bollente è già passata alle società poste innanzi, nel mese di giugno, alle tassative scadenze d’iscrizione e agli adempimenti finalizzati ad ottenere la licenza nazionale, necessaria per scendere in campo nella serie B 2017/18. Una trafila dettagliata, da rispettare senza sbavature per essere ammessi ed evitare ammende (10-40 mila euro la forbice) o, peggio ancora, punti di penalizzazione. Prima data cerchiata di rosso nell’agenda del Venezia è quella di martedì 20 giugno, quando bisognerà depositare la convenzione d’uso dello stadio presso la Commissione Criteri Infrastrutturali e Sportivi-Organizzativi: siccome il Penzo dovrà essere adeguato alla cadetteria il club arancioneroverde «chiederà istanza per ottenere la deroga (sulla quale la Lega B si pronuncerà entro il 26 giugno) a svolgere l’attività per la stagione 2017/18 in un impianto non ubicato nel proprio comune (che sarà la Dacia Arena di Udine, ndr)» dopodiché, una volta aggiornato il Penzo «potrà in ogni tempo chiedere di utilizzare l’impianto ubicato nel comune in cui ha sede presentando apposita istanza». Particolarmente corposa poi la documentazione fiscale. Entro venerdì 30 giugno il Venezia dovrà attestare «l’avvenuto pagamento degli emolumenti dovuti fino al 31 maggio 2017 ai tesserati, ai dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo, nonché a tutti gli altri dirigenti, collaboratori e dipendenti. Da comprovare inoltre l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef sugli emolumenti fino al mese di aprile e dei contributi Inps fino a maggio». Naturalmente non potrà mancare la vera e propria domanda di ammissione al campionato «corredata da copia del bilancio d’esercizio con verbale di approvazione e da accompagnare con una fideiussione a prima richiesta dell’importo di euro 800 mila euro, rilasciata da banche che figurino nell’Albo delle Banche tenuto dalla Banca d’Italia». La Covisoc e la Commissione Criteri Infrastrutturali si pronunceranno sulle ammissioni in serie B entro l’11 luglio, alle ore 19 del 14 luglio scadrà il termine per i ricorsi che verranno accolti-respinti con pronuncia del Consiglio Federale il 20 luglio (a dieci giorni dall’inizio della Tim Cup). Ultimo ricorso consentito sarà al Collegio di Garanzia dello Sport presso il Coni.

PENZO

Dal tre luglio arriva il City Camp

Chiusa l’intensa e trionfale stagione degli arancioneroverdi il prato dello stadio Penzo si concederà ai giovani del territorio che dal 3 all’8 luglio parteciperanno al City Camp del Venezia Fc. La proposta estiva curata da Venezia Soccer Academy prevede un appuntamento (26 giugno-1. luglio) anche al Taliercio di Mestre, con due allenamenti giornalieri (da lunedì a venerdì) e una festa finale il sabato mattina; iscrizioni sono ancora aperte, a Mestre restano 10 posti liberi, più ampia la disponibilità al Penzo; info sui siti www.veneziasocceracademy.it e www.vfccampsitalia.com, via mail camp@veneziafc.club o contattando il responsabile Marco Funes (referente anche per le iscrizioni alla squadra femminile del Women Venezia Fc) al 335/6352306. Il tutto esaurito è invece realtà per le due tappe del camp a Tambre, dal 12 al 17 giugno e dal 19 al 24 giugno: in totale nel Bellunese saliranno 100 ragazzi. A tinte arancioneroverdi saranno anche i camp (3-8 luglio) di Ancona e Polignano a Mare (Bari), nonché dal 23 luglio al 6 agosto in Inghilterra, al Moulton College di Northampton. Il Venezia, inoltre, è affiliato alla Metropolitan Oval Academy del Queens a New York, a cominciare dai due camp al Cedar Creek Park di Long Island (24-28 luglio) e al Met Oval (31 luglio-4 agosto).