News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

La Nuova: Inzaghi: «Tranquilli, i gol arriveranno»

Simone Bianchi si incarica di raccogliere le impressioni e “i buoni propositi” degli ANV

Il tecnico del Venezia proiettato sulla partita di domani ad Avellino. Suciu o Stulac al posto di Bentivoglio

Dal pareggio interno con lo Spezia alla trasferta insidiosa di Avellino. In soli due giorni il Venezia deve recuperare le energie fisiche e mentali per presentarsi al meglio in Campania per l’anticipo del quinto turno di Serie B, il primo infrasettimanale dall’inizio del campionato. Venezia che ad Avellino troverà una vecchia conoscenza, visto che seduto in panchina ci sarà Novellino, che ai tifosi arancioneroverdi riporta i ricordi della Serie A. L’attuale allenatore del Venezia, Filippo Inzaghi, tra domattina e lunedì dovrà fare le sue scelte. «Giocare ad Avellino non sarà una passeggiata, perché è un campo sempre difficile su cui strappare qualche punto» dice Inzaghi, «finora l’Avellino ha costruito in casa le sue due vittorie. Ma sarà così sempre in questo campionato, perché di partite facili non ne esistono, come per nessuno sarà facile affrontarci. Dobbiamo andare a giocarcela contro tutti e senza timori reverenziali. Novellino può contare su giocatori come Ardemagni, Castaldo e Morosini, non certo gente di poco conto. Non ho visto ancora la loro partita contro il Foggia, ma quei cinque gol dati ai pugliesi non mi sorprendono. L’Avellino è partito un po’ nascosto, ha un grandissimo tifo alle spalle, che è il loro dodicesimo uomo. Dopo Bari sarà un altro bel banco di prova». E se il Venezia mantiene una difesa ermetica e non ha ancora subito neppure una rete, rimane il fatto che davanti si segna ancora poco. Solo due reti in quattro partite, proprio quelle della trasferta vittoriosa al San Nicola di Bari. «Come ho spesso detto, non mi preoccupo dei gol non fatti per ora, l’importante è non subirli» prosegue Inzaghi, «abbiamo fuori ancora parecchi giocatori importanti, tra cui Geijo, ci mancano anche Bruscagin e Garofalo. Stiamo recuperando tutti gli infortunati piano piano. Nessuno ci chiede nulla in questa fase, siamo una neopromossa, dobbiamo avere la spensieratezza di proporre un bel calcio, e andremo ad Avellino per fare la nostra partita. Lo 0-0? Non sarebbe poi così male». L’allenatore del Venezia riprende infine il concetto di solidità difensiva. «Nella prossima partita servirà questa dote, un aspetto che comunque ci potrà portare lontano. Per una neopromossa restare imbattuta quattro giornate credo sia una cosa importante, e ricordo forse solo l’Atalanta capace di non prendere gol nello stesso arco di tempo. Chi giocherà al posto di Bentivoglio domani? Suciu o Stulac possono coprire quel ruolo, poi vedremo come staranno gli altri. Ho bisogno di capire chi è stanco e chi è pronto».

Qualche statistica interessante ce la propone Michele Contessa che poi cura anche un box sulla Primavera

Mancano altri 13′ di imbattibilità e cadrà il record dell’Atalanta

Segnerà poco, ma intanto è imbattuto (una vittoria e tre pareggi) e la porta è ancora inviolata. Un primato difficile da conseguire in un campionato equilibrato come la Serie B, che già sabato sera era arrivato a 100 reti realizzate, tanto che erano sette anni che una squadra non riusciva a non prendere reti, come il Venezia, nelle prime quattro giornate di campionato. Il Venezia, pur suddividendo il merito tra tre portieri (Audero 270′, Russo 74′ e Vicario 16′), ha eguagliato venerdì sera il record stabilito in avvio della stagione 2010-2011 dall’Atalanta di Stefano Colantuono. I nerazzurri esordirono superando in casa (2-0) il Vicenza, poi infilarono due pareggi (0-0) a Varese e sul proprio campo con il Frosinone, per poi andare a espugnare (2-0) l’Adriatico di Pescara. Se il Venezia ha conquistato 6 punti, quell’Atalanta salì a 8. Il portiere era Andrea Consigli, all’epoca 23 anni, che dal 2014 difende la porta del Sassuolo. Era l’Atalanta di Bonaventura, Padoin, Doni e del trio d’attacco Tiribocchi, Pettinari e Ardemagni. La striscia di Andrea Consigli venne interrotta il 18 settembre a Siena da un colpo di testa di Salvatore Mastronunzio al 13′ del primo tempo. Su cross di chi? Di Cristiano Del Grosso, allora terzino sinistro del Siena. Quindi l’imbattibilità del portiere dell’Atalanta durò 373′. Era il Siena di Antonio Conte allenatore e di Perinetti direttore sportivo, ritornato in Toscana dopo il triennio a Bari. Al termine di quella stagione, l’Atalanta vinse il campionato salendo in Serie A insieme a Siena e Novara, quest’ultimo ai playoff nella finale contro il Padova, chiudendo con la seconda miglior difesa della Serie B (35 reti incassate come il Siena), alle spalle del Varese (34), quarto in stagione regolare.Lo scorso anno, in Lega Pro, il Venezia era ugualmente imbattuto alla quarta giornata d’andata (8 punti, due vittorie con Forlì e Parma, due pareggi con Mantova e Reggiana), ma Davide Facchin subì il primo gol dopo 185′ dal reggiano Nolè al Penzo.

Primavera. Il Venezia si impone 3-2 a Carpi

Blitz del Venezia (3-2) in terra emiliana, rifilato un tris al Carpi sul campo di San Martino in Rio e prima vittoria per la Primavera. Arancioneroverdi vicini al vantaggio al 22′, quando Tagliapietra si avventa sul cross di Piccoli e centra la traversa. Micidiale il Venezia nel finale del primo tempo: Barbato e Zennaro confezionano nell’arco di 4′, tra il 38′ e il 42′, un uno-due che mette le ali ai piedi ai giovani di Daniel. Il Carpi riparte all’attacco e riapre la sfida al 4′ con Tourè che trafigge Barlocco, ma il Venezia riparte in contropiede e Rossi, dopo aver saltato tre avversari, infila il tris al 12′. Partita ricca di emozioni: al 15′ Ricciotti viene steso in area, Geraci trasforma il rigore. Il Carpi va a caccia del pareggio, ma la difesa del Venezia regge fino al fischio finale.CARPI-VENEZIA 2-3 Reti: p.t. 39′ Barbato, 42′ Zennaro; s.t. 4′ Tourè, 12′ Rossi, 15′ Geraci (rigore).CARPI Rossi, Zanoli, Geraci, Ricciotti, Di Pierri; Maiello, Giardina, Marani, Saporetti, Toure, Nsingi. Allenatore: La Manna.VENEZIA: Barlocco, Fiore, Simeoni, Strechie, Cigagna; S.Tagliapietra, M. Tagliapietra, Barbato, Zennaro, Rossi, Flora. Allenatore: Stefano Daniel.