News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

LA NUOVA VENEZIA “Fabiano: tornerò, mai due infortuni così. Giovedì festa al Marciano”

L’infortunio di Gianni Fabiano apre la sezione arancioneroverde de La Nuova Venezia. E’ Michele Contessa a raccogliere le dichiarazxioni del fantasista milanese ieri al Taliercio con le stampelle. Nel notiziario spazio anche per l’annuncio della Festa del Tesseramento, ospiti la squadra e il presidente Tacopina, di giovedì 13 al Marciano:

L’attaccante non si piange addosso per la frattura del perone. «Cose che succedono a chi gioca al calcio»

Fabiano: «Tornerò più forte di prima»

di Michele Contessa

Arriva al campo d’allenamento “armato” di stampelle, Gianni Fabiano. La sua speranza di rientrare contro la Sambenedettese, magari per una manciata di minuti, è andata in frantumi verso la fine della rifinitura di venerdì pomeriggio. «Era stata una settimana perfetta, quattro allenamenti senza avvertire il minimo problema, nemmeno io pensavo di andare così bene» racconta l’attaccante del Venezia, «già pregustavo di andare in panchina, non potendo avere ancora i 90’ nelle gambe. Poi l’intoppo. Magari dovrò andare a Lourdes per una benedizione o alla Madonna della Salute». Una dinamica semplice, Fabiano prova a dimostrarsi distaccato, ma questo stop gli rode non poco, soprattutto perché è un nuovo contrattempo proprio nel momento in cui era pronto al rientro. «Sono infortuni che capitano per chi fa il mio mestiere. C’è stato un contrasto con un compagno, uno dei tanti che avvengono in allenamento, siamo andati a terra scivolando e la gamba è rimasta sotto. Inizialmente non pensavamo si trattasse di una cosa seria, invece c’è una frattura composta al perone». Gamba destra out, Fabiano ai box per almeno un mese e mezzo. «Ho avuto infortuni in carriera, mai mi era capitato di subirne due in successione. Adesso non mi resta che rimboccarmi le maniche, come ho fatto dopo l’incidente di Mantova, seguire la tabella dello staff medico e iniziare nuovamente a programmare il rientro. Ci vorrà almeno un mese e mezzo, ma alla fine tornerò. Più forte di prima». Quarantacinque giorni che andranno ad aggiungersi al mese abbondante occorso a Fabiano per smaltire la lesione alla coscia rimediata a Mantova nell’impatto con il portiere virgiliano Bonato. «Ci tenevo a rientrare proprio al Penzo» riprende Fabiano, «ora non mi metto una scadenza precisa, devo portare il tutore, vediamo come procede la calcificazione della frattura». Il nuovo contrattempo toglie ancora una pedina preziosa a Inzaghi. «Peccato, potevo essere un’arma in più per il Venezia, ma la rosa è molto ampia, chi giocherà darà sempre un grande contributo. Quando sarò a posto, darò anche io il massimo per centrare l’obiettivo che ci siamo prefissati». Il Venezia però ha raccolto solo un punto nelle due sfide con Pordenone e Sambenedettese. «Non bisogna preoccuparsi, questo è un girone con tante squadre di qualità. I cavalli di razza si vedono nel finale delle corse, sono convinto che questa squadra è un cavallo di razza».

VERSO IL TERAMO

Domizzi e Malomo visite di controllo

Visita di controllo per Domizzi dopo l’infortunio agli adduttori a Pordenone, oggi sapremo se può riprendere la preparazione senza correre rischi. Da monitorare anche la caviglia destra di Malomo, anora assente Leo Stulac che questa sera chiuderà in Serbia il girone di qualificazione con l’Under 21 della Slovenia e domani dovrebbe ritornare a disposizione di Inzaghi. Aperta la prevendita per la partita di sabato (ore 16.30) al Penzo contro il Teramo, mentre oggi la Sambenedettese recupererà il match casalingo contro il Padova, valido per la prima giornata e rinviato all’indomani del terremoto. In caso di vittoria i marchigiani andrebbero da soli in testa alla classifica del girone B. Si terrà giovedì 13, dalle 18 alle 20, l’annuale “Festa del Tesseramento” organizzata dall’Associazione VeneziaUnited, in collaborazione con il Marciano Pub, aprendo la campagna tesseramento di Venezia United per la stagione 2016-2017. Il presidente Tacopina ha garantito la presenza al Marciano Pub, con una rappresentanza di staff tecnico e giocatori.