News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

LA NUOVA VENEZIA “Garofalo e quella voglia di… Supercoppa”

Non nasconde l’ambizione di fare il tris, Agostino Garofalo intervistato da Michele Contessa per La Nuova Venezia di oggi; il difensore campano, già vincitore di due Supercoppe di Lega Pro individua nella voglia di vincere il segreto per portare a casa il trofeo:

Il terzino campano è uno specialista: l’ha già vinta con Novara e Grosseto. Malomo out, oggi rientra Geijo

Garofalo: «Voglio la terza Supercoppa»

di Michele Contessa

La parola allo specialista. Agostino Garofalo cercherà di aggiungere la Supercoppa di Lega Pro al campionato e alla Coppa Italia, ma proverà anche a conquistare la terza Supercoppa della sua carriera, dopo quelle vinte con Grosseto nel 2007 e Novara nel 2015. «Sì, è vero, posso fare un doppio tris» conferma con il sorriso l’esterno sinistro del Venezia, «e sarebbe fantastico». Flash su quei due trionfi. «La prima la vinsi nel doppio confronto con il Ravenna» ricorda Garofalo, «pareggiammo in Romagna e vincemmo 1-0 in casa. Due anni fa inaugurammo la nuova formula del triangolare. E la coppa rimase in ballo fino alla fine».Il Novara di Garofalo superò (3-2) la Salernitana, poi i campani piegarono il Teramo (3-1) e nell’ultima partita, a pochi minuti dalla fine i piemontesi perdevano in Abruzzo e la Supercoppa sarebbe andata alla Salernitana per differenza reti. «Aveva segnato Lapadula nel primo tempo» ricorda Garofalo, «a due minuti dalla fine pareggiammo con Buzzegoli, e vincendo così il trofeo». Una stagione trionfale che potrebbe diventare irripetibile. «Noi vogliamo regalare un altro trofeo ai nostri tifosi, sarebbe bello arrivare a giocare la terza partita in casa e fare festa ancora una volta al Penzo. Sappiamo che servono almeno quattro punti, proveremo a iniziare con il piede giusto già a Cremona. Noi scenderemo in campo più leggeri dei nostri avversari, che hanno speso tantissimo per centrare sabato scorso la promozione in B». Il triangolare metterà di fronte le tre squadre che hanno vinto i rispettivi gironi. «Si affrontano le formazioni più forti. Il trofeo lo vincerà chi andrà in campo maggior voglia di aggiudicarselo, e noi questa vola ce l’abbiamo ancora». La squadra si allena in vista dell’impegno di Cremona, ma ieri la febbre ha tenuto ancora a letto Pippo Inzaghi. Malomo migliora, ma non sarà disponibile per Cremona, mentre oggi farà rientro a Venezia l’attaccante Alexander Geijo, che era volato in Spagna per motivi familiari. Per il bomber spagnolo che rientra, ecco alcuni dirigenti del Venezia in partenza: il presidente Joe Tacopina volerà a Madrid con Dante Scibilia, Mattia Collauto, Paolo Poggi e Sonya Kondratenko, dove il gruppo arancioneroverde sarà ospite del Real per tre giorni, il rientro è previsto venerdì sera e il giorno successivo Tacopina rientrerà a New York. Intanto Ted Philipakos, Ceo del Venezia dallo scorso luglio e assente lunedì alla festa della promozione, potrebbe far ritorno negli Stati Uniti. Tifosi a Cremona. La curva Sud organizza la trasferta a Cremona e un pullman è stato quasi ultimato: partenza dal People Mover al Tronchetto a mezzogiorno e alle 12.30 da piazza Barche a Mestre. Arbitro. Sarà Giosuè Mauro D’Apice l’arbitro di Cremonese-Venezia, gara inaugurale della Supercoppa di Lega Pro. L’arbitro aretino è quello che ha diretto recentemente anche la partita della promozione al Penzo contro il Fano.
NUOVA100517