News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

LA NUOVA VENEZIA “Scibilia: Venezia accogliente, episodi di violenza ci danneggiano”

Molte le notizie nell’ampia pagina che La Nuova Venezia, a cura di Michele Contessa, dedica agli arancioneroverdi ma, e non poteva che essere così, l’argomento principale sono le reazioni della società e le indagini della questura dopo le aggressioni di domenica ai danni dei tifosi del Parma. Mercato, prevendita con l’Ancona e nuova fidejussione da presentare entro il 6 febbraio, gli altri argomenti:

Scibilia critica i responsabili dei tafferugli con i parmensi. «I tifosi avversari devono essere i benvenuti»

«Danneggiata l’immagine della città»

di Michele Contessa

Bella partita in campo, tra Venezia e Parma, tifoserie colorate e stupende da vedere, petardi esclusi, nelle due curve. Problemi al di fuori, lontano dal Penzo: tafferugli in Strada Nuova, uno dei punti nevralgici della città, attimi di tensione in Riva dei Sette Martiri. Gruppetti di sostenitori delle due squadre che sono venuti a contatto, un ferito con passaggio al pronto soccorso. «Abbiamo appreso dai giornali e da quanto è stato postato sui social network di questi avvenimenti» commenta il direttore generale Dante Scibilia, «per commentare nello specifico aspettiamo le comunicazioni ufficiali. Cercheremo di sapere con esattezza la dinamica dei fatti, chi è stato coinvolto e l’entità dei danni arrecati alle persone». Il d.g. fa alcune considerazioni. «All’interno dello stadio non è accaduto nulla, come nel servizio di trasporto allo stadio dei tifosi del Parma, gli episodi negativi, da condannare in toto, sono avvenuti lontano dal Penzo. Venezia è sempre stata nei secoli la città dell’accoglienza e così deve essere anche nello sport. Siamo i primi a censurare qualsiasi tipo di violenza, atti di violenza non sono accettabili, anche perché il messaggio che abbiamo dato come società in questo anno e mezzo è diametralmente opposto. Noi offriamo uno spettacolo e il pubblico deve venire allo stadio per divertirsi, gioire e soffrire per la squadra per la quale fa il tifo. Le persone, anche provenienti da un’altra città, devono essere libere di girare per Venezia senza problemi». E le iniziative in questa direzione del Venezia sono tante e altre sono ancora in cantiere. «Lo scorso anno abbiamo attivato la collaborazione con l’Associazione Veneziana Albergatori, rivolta anche ai tifosi delle squadre avversarie. Lavoriamo in perfetta sintonia con le forze dell’ordine per garantire un trasporto tranquillo alle tifoserie più numerose, come è accaduto con Padova o Parma. Quando succedono episodi negativi, viene scalfita l’immagine della società, che invece cerca di essere sempre più vicina alle esigenze dei tifosi». Momenti di tensione anche al fischio finale dell’arbitro Guccini con giocatori, staff e dirigenti in mezzo al campo. Giocatori a dividere altri giocatori e l’arbitro immobile ad assistere quanto stava accadendo. Poi le due squadre sono andate a salutare i propri tifosi sotto le due curve. Oggi è in uscita il comunicato del giudice sportivo, da verificare se Guccini ha scritto qualcosa del post partita sul suo referto.

nuova310117La Digos ha già un’idea dei colpevoli, continua l’esame delle immagini dei sistemi di videosorveglianza

Aggressione anomala, il ferito non era un ultras

La Digos ha già un’idea di chi ha causato gli incidenti del pre partita Venezia-Parma, aggredendo in Strada Nuova un tifoso ospite che, tra le altre cose non appartiene nemmeno agli ultras della squadra ospite. Per gli investigatori chi ha colpito alle spalle il supporter del Parma ha compiuto un atto anomalo rispetto anche alle classiche azioni da ultras. Un comportamento che non apparterebbe alla classica azione da ultras: aggredire alle spalle una persona picchiarla e poi scappare. I poliziotti oltre a passare al setaccio le immagini dei sistemi di videosorveglianza che ci sono nella zona dell’aggressione, stanno sentendo anche diversi tifosi per capire chi possano essere i responsabili dell’aggressione. Naturalmente a collaborare con gli investigatori veneziani ci sono i loro colleghi di Parma. A questi sono stati inviati foto e relazioni per acquisire informazioni sui rapporti tra tifoserie. In particolare per capire i motivi che stanno alla base di quanto avvenuto. Infatti i poliziotti sono convinti che i supporter del Parma sono stati attesi. Il fatto è avvenuto intorno alle 11.30 in Strada Nuova a Cannaregio. Un gruppetto di tifosi del Parma, da poco arrivato in stazione a Santa Lucia, a piedi si stava recando allo stadio. Molto probabilmente qualcuno, legato alla tifoseria del Venezia o presunto tale, ha visto i tifosi. Dopo averli seguiti per un po’ è entrato in azione. Gli aggressori hanno agito alle spalle sorprendendo i parmensi, Ad uno di loro è stato tirato un pugno violento da un lato del volto. Pugno che ha lasciato il segno con una ferita lacero contusa all’arcata sopraccigliare. Sono volati altri colpi, ma il tutto è durato pochi minuti. Quindi gli aggressori sono scappati. Sul posto sono intervenuti agenti delle volanti e i sanitari del Suem. Portato in ospedale e medicato il ferito è stato giudicato guaribile in dieci giorni. Per la scaramuccia, un’ora dopo, in Riva Sette Martiri, nessuna conseguenza.

SOCIETA’

Polizza assicurativa manca solo la firma

Una settimana di tempo per presentare la polizza assicurativa sostituiva a quella dichiarata nulla dopo il fallimento della Gable. Mentre le società di Serie B e di Lega Pro che si erano affidate alla Gable per la copertura della fideiussione per l’iscrizione al campionato hanno oggi l’ultima scadenza, il Venezia e gli altri club che avevano presentato la polizza assicurativa a copertura del monte stipendi hanno un’altra settimana di tempo per porre rimedio. «Non ci sono problemi» spiega il d.g. Dante Scibilia, «riusciremo a rispettare la scadenza. È stata individuata la compagnia assicurativa sostituiva della Gable, è stata già deliberata la polizza che adesso deve venir sottoscritta. Essendo già passati sette mesi dall’inizio della stagione e avendo saldato gli stipendi, la cifra seppur onerosa è inferiore». Cosa rischiano le società che si erano affidate alla Gable e che devono presentare un’altra polizza? «La procedura è la stessa delle altre scadenze federali. Chi non la rispetta, sarà deferito e verrà poi penalizzato».

NOTIZIARIO

Ultimo tentativo per Falzerano
Acquadro sarà squalificato

di Michele Contessa

Il Venezia insiste per Marcello Falzerano, intanto oggi perderà per squalifica Alberto Acquadro. Tra il Venezia e il venticinquenne centrocampista di Pagani, c’è di mezzo il Bassano. «Noi abbiamo fatto la nostra offerta» conferma il responsabile dell’area tecnica Giorgio Perinetti, «stiamo aspettando la risposta del club vicentino. Non conosco bene Rosso, quindi non so come si comporterà il Bassano». Farzerano vuole venire al Venezia, ha rifiutato un paio di offerte dalla Serie B, ma fino al 30 giugno è vincolato con il Bassano. «Se non chiudiamo in giornata, Falzerano arriverà a luglio. Richieste per altri giocatori? Solo chiacchiere, i nostri non li cediamo, ma si sta muovendo in generale poco o niente. L’Avellino con Garofalo? A me non è stato chiesto niente». Nel frattempo è arrivata l’ufficialità di Luigi Luciani in prestito all’Arezzo. Oggi ultimo giorno di mercato a Milano, chiusura alle ore 23, poi fino al 28 febbraio si potranno ingaggiare solo giocatori svincolati. Alberto Acquadro vedrà dalla tribuna la gara con l’Ancona avendo rimediato domenica il quinto cartellino giallo: il centrocampista era in diffida dalla partita con la Maceratese. Che sia nuovamente l’ora di Simone Bentivoglio? Ìntanto parte oggi la prevendita per la partita con l’Ancona (inizio ore 14.30), domenica ai botteghini del Penzo saranno emessi pochi biglietti (100). I tagliandi si possono acquistare anche online sul sito: www.vivaticket.it con modalità print@home, in sede della società, in viale Ancona 43, a Mestre, che è aperta tutti i giorni, da lunedì a venerdì, con i seguenti orari: 9.15-12.45 e 15.15-18.15. Oltre, ovviamente, ai 14 punti vendita Vela a Venezia, Lido di Venezia, Mestre, Tessera, Dolo e Sottomarina. Il Venezia aderisce al programma dell’Osservatorio “Porta un amico allo stadio”, la prevendita per il settore ospiti chiuderà sabato 4 febbraio alle ore 19.30.

Perso il primato dei gol subiti
Il Lumezzane ne ha incassati 18

Per colpa della sbandata della prima mezzora e i due gol subiti nel giro di pochi minuti contro il Parma, il Venezia ha perso il primato della difesa meno battuta del girone B della Lega Pro. Adesso, dopo 23 partite di campionato, i gol al passivo sono per il Venezia 19, mentre il Lumezzane, pur arenato nella zona playout della classifica ne ha subiti solo 18, uno in meno rispetto al Venezia. C’è da dire, tuttavia, che il Lumezzane ha una partita in meno, dovendo recuperare mercoledì 8 febbraio la partita in trasferta a Gubbio, dove teoricamente potrebbe anche riperdere il primato. L’attacco più forte, invece, nonostante lo 0-0 dell’altro ieri, resta quello del Pordenone, che ha segnato 39 gol.