News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

LA NUOVA VENEZIA “Torna Garofalo, VeneziaUnited in festa”

La festa di VeneziaUnited in evidenza sulle pagine de La Nuova Venezia, nell’articolo di Michele Contessa che firma anche l’intervista al rientrante Garofalo:

PRESENTI SEI GIOCATORI

Cena di Natale del Venezia United

Dopo la festa di Natale del Venezia Fc alla Compagnia della Vela, ecco la cena di Natale di Venezia United, che si è svolta al ristorante La Perla Rosa di Borbiago. Onori di casa fatti dal presidente dell’associazione Gianluca Maschera e dal past president, Franco Vianello Moro, mentre la società arancioneroverde era rappresentata dal Ceo Ted Philipakos, dal responsabile dei progetti internazionali, Paolo Poggi, da Sonya Kondratenko e Franco Pasqualato, mentre per quanto riguarda i giocatori sono intervenuti capitan Evans Soligo, Vittorio Fabris, Francesco Cernuto, Luigi Luciani, Alberto Acquadro e Leonardo Galli. Pippo Inzaghi ha fatto pervenire una sua maglia autografata in dono a Venezia United. Prima della cena di Natale si è svolta l’assemblea generale ordinaria dell’associazione.

nuova161216

Garofalo ha scontato i tre turni di stop: «Voglio il titolo d’inverno»

«Ho sofferto tanto, ora sono pronto»

di Michele Contessa

Tre giornate seduto in tribuna a meditare sull’espulsione nel derby, la “quarantena” adesso è terminata e domenica Agostino Garofalo sarà nuovamente a disposizione di Filippo Inzaghi. Cinque gare saltate su 18 per squalifica non sono poche per il terzino arancioneroverde che, con la Maceratese, punta a riconquistarsi una maglia da titolare. «Si soffre terribilmente a stare fuori», ha ammesso Garofalo, «anche se Galli e Pellicanò sono stati bravissimi e la mia assenza non si è fatta sentire. Questo è un altro segnale della forza e della compattezza del gruppo. Stare fuori tre partite per squalifica non è proprio il massimo, per fortuna c’è stato il turno infrasettimanale così il tempo di stop è passato più rapidamente». Il Venezia chiude il girone d’andata puntando al titolo di campione d’inverno contro la Maceratese, squadra che ha raccolto 7 punti nell’ultima settimana e che ha fatto risultato in 6 delle ultime sette gare (12 punti) battendo anche il Bassano. «Si sta alzando ancora di più la competitività delle partite in questo girone», ha ammesso il terzino arancioneroverde, «l’esempio più eclatante è la sconfitta della Reggiana a Forlì. Io mi tengo strette le tre vittorie per 1-0 che il Venezia ha ottenuto negli ultimi otto giorni, non solo per i nove punti, ma anche perché siamo riusciti a non subire gol. Il titolo di campione d’inverno sarà platonico quanto si vuole, ma è sempre meglio chiudere davanti che ritrovarsi a inseguire. Mancano tre partite prima della sosta, bisogna sfruttare al massimo l’inerzia positiva». Venezia (38 punti), Pordenone (37) e Reggiana (36) sembrano avere una marcia in più. «È ancora troppo presto, mancano ancora tante partite. Noi e la Reggiana siamo nel posto che si pensava a inizio torneo, la sorpresa è un po’ il Pordenone, mentre mi aspetto un colpo di coda del Parma che adesso sarà anche staccato, ma che considero sempre una potenziale avversaria per la promozione». Campo. Gianni Fabiano ha continuato a lavorare a parte, ma martedì il trequartista dovrebbe finalmente ritornare in gruppo e il ritorno in campo ormai è imminente dopo il doppio stop per infortunio, mentre per quanto riguarda Maurizio Domizzi lo staff medico del Venezia sta facendo il possibile per averlo in campo con la Maceratese. Perinetti. Ieri era anche l’ultimo giorno di inibizione per Giorgio Perinetti, il responsabile dell’area Tecnica allontanato prima a Santarcangelo (stop fino al 29 novembre) in campionato e poi a Bolzano con il Südtirol in Coppa Italia (stop prolungato fino al 15 dicembre). Mercoledì Perinetti era in Belgio per incontrare Hermann Van Holsbeeck, il direttore sportivo dell’Anderlecht, che renderà visita al Venezia a gennaio e nei prossimi mesi inizierà una collaborazione tra i due club.