News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

La partita di Bibì & Bibò | FC Bari 1908 vs Venezia FC

“Primo” non prenderne, “secondo” metterla dentro: il gioco è riuscito!

Si gioca a Bari una delle trasferte più insidiose per la forza (sulla carta) dell’avversario, in uno degli stadi più famosi d’Italia, contro una delle squadre dichiaratamente votata alla promozione.

Difesa granitica, impenetrabile; dopo 3 partite non ci sono da conteggiare reti subite!

Si schiera formalmente a tre ma poi sostanzialmente a 5 con il supporto costante di Zampano e Del Grosso.

Oggi nel modulo di difesa hanno giocato due che fino a un paio di anni fa militavano in serie D: Modolo, che Inzaghi non muoverà mai dal centro della difesa, tanta è la sua sicurezza e la sua costanza di rendimento, e Cernuto entrato a sostituire un acciaccato Andelkovic.

E queste sono soddisfazioni!

Si controlla per larghissima parte della partita, si lascia il possesso palla ad un Bari lento, prevedibile e quasi mai pericoloso.

Il centrocampo a far legna, a cercare di impostare quelle poche occasioni per ripartire o per alleggerire la pressione che in verità non si è mai avvertita troppo.

Davanti come sempre Falzerano, che si procura il rigore che Bentivoglio realizza con grande sicurezza. E poi Moreo a fare la differenza e oggi Zigoni si sblocca nel realizzare il raddoppio. Nel più classico dei contropiedi manovrati, con i giusti movimenti e con un tempismo perfetto.

Ce n’è da stare contenti almeno fino alla prossima.

Solo nel quarto d’ora finale dopo i cambi con l’ingresso di Brienza e Floro Flores i biancorossi creano un paio di occasioni pericolose. Ma vuoi per la bravura di Audero, vuoi per quel giusto quantitativo di fattore C, non si concretizzano.

Cinica, utilitarista, speculativa: il Venezia porta a casa un risultato non solo di prestigio ma anche di quelli che fanno morale e danno ossigeno alla classifica, che bisogna tener d’occhio con la giusta umiltà ma anche con quella necessaria dose di determinazione che può dare spinta e sostegno in un campionato davvero difficile e con così tanta qualità.

 

le pagelle in due parole

Audero 7,5 molte uscite di pugno  e due parate salva risultato prima sull’1-0 poi nel finale

Zampano 7 concentrato in fase difensiva tiene bene jacolano e spinge quando può

Andelkovic 7 muro a centro dx e non si fa notare, segno di sicurezza e tranquillità

Modolo 7 acrobazia e tempismo

Domizzi 7 non si passa nè dentro nè fuori area

Del Grosso 7+ tignoso non molla niente, con l’aggiunta di bei cross, uno decisivo per il 2-0

Bentivoglio 6,5 meno nel vivo per la pressione barese, ordinato e collante e freddo nel battere il rigore

Suciu 6,5 gran lavoro di contenimento e fraseggi per alleggerire senza errori

Falzerano 9 forsennato ed imprendibile, provoca il rigore ed infastidisce sempre la difesa barese con i suoi scatti

Moreo 8 eccezionale per la partecipazione in ogni dove, contropiedi veloci, sponda per Zigoni (2-0), recuperi a centrocampo e pure in difesa

Zigoni 6,5 ripetiamo: ancora indietro, ma utile anche in mezzo e gran goal da punta centrale

i sostituti

Marsura 6,5 si inserisce da prima punta con buona lena

Cernuto 6 collabora al bunker finale

Pinato 6 un paio di alleggerimenti riusciti

 

Inzaghi 9 quatto quatto, riesce a dare un’identità alla squadra, che dimostra personalità e sicurezze da veterana. Fra l’altro nessun goal subito e oggi nuovamente nessun ammonito

 

Bari 5 appare scontata nel fraseggio. quando entrano Brienza e Floro Flores è un ‘altra musica, ma è troppo tardi