News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

La partita di Bibì & Bibò | Ternana UniCusano vs. Venezia FC

Partita rocambolesca!

Si gioca in un Liberati con una discreta, ma non eccezionale, presenza di pubblico rossoverde, con una squadra che tecnicamente e tatticamente si dimostra una delle più deboli avversarie incontrate finora.

E si passa in meno di 2’ subito in vantaggio, sulla prima palla toccata in profondità da Falzerano per Zampano che entra in area e la passa al centro per l’accorrente Zigoni che, senza colpo ferire, insacca.

Poi si controlla per larga parte dei due tempi e si cerca in qualche ripartenza di creare la superiorità e qualche buona occasione.

In compenso Audero si limita al controllo di palloni per lo più innocui.

Nel secondo tempo la Ternana prova a forzare il ritmo ma senza costrutto e senza mai avvicinarsi all’area. Ci prova con un bel tiro dalla media distanza, unico in tutta la partita, a costringere Audero ad una parata degna di questo nome.

Poi si trova anche il raddoppio nel più classico dei contropiedi lanciato da un Zigoni in copertura difensiva che smarca Falzerano che poi mette Moreo in posizione favorevole per la conclusione.

Che riesce un po’ cincischiata, sembra che la palla non voglia proprio entrare ma il portiere avversario ci mette del suo ad accompagnarla definitivamente in rete.

Siamo sul 2-0, peraltro meritato, non avendo mai rischiato nulla. La Ternana gioca a correre ma non costruisce mai vere occasioni e in ogni caso ogni tentativo si infrange contro il muro difensivo ANV.

Bisogna arrivare all’82’ per vedere che un pallone mal calciato da un rossoverde si infila tra le gambe dei centrali ANV e libera il compagno, per altro da molti giudicato in netto fuorigioco, che insacca da pochi passi di fronte ad un incolpevole Audero.

Ma il bello, anzi il brutto, deve ancora avvenire: palla al centro, “momento di mona” collettivo e palla che sguscia in avanti per un raddoppio ternano che nessuno poteva nemmeno immaginare.

Si pensa già alla grande occasione sprecata di portare a casa i 3 punti.

Ma va là! Questi non ci stanno e vanno in avanti e sull’ultimo corner conquistato nei minuti di recupero, battuto magistralmente da un Bentivoglio in giornata di grazia, si pesca la testa di capitan Domizzi per il definitivo vantaggio e per una meritatissima vittoria.

Squadra speculativa, ma ordinata, volitiva quando serve, ed efficace nelle ripartenze. Peccato per quella dormita generale che peggiora sensibilmente lo score difensivo.

Poi bisogna considerare che si fanno 8 dei 10 punti della classifica nelle 4 partite in trasferta, mentre in casa se ne mettono assieme solo 2 sui 9 disponibili: altro che media inglese, questa è media veneziana!

Domenica – perché il coretto “l’anno prossimo gioco di sabato” non è che sia tanto praticato da questo calendario di serie B – si gioca in casa col Carpi; squadra altrettanto tignosa in difesa ed altrettanto parsimoniosa in attacco.

 

le pagelle in due parole

 

Audero 6,5 tante uscite ed una sola parata, poi 2 goal assurdi

Zampano 8 autorevole e quasi perfetto per continuità ed intensità

Del Grosso 6,5 chiude la sua fascia ed, in più, una bella incursione con tiro al volo

Andelkovic 6,5 solita essenzialità difensiva

Modolo 6,5 tenuta costante, concedendo qualcosa sul 2 -1

Domizzi 7,5 prestazione sì, goal decisivo al 92′, difesa impeccabile

Bentivoglio 6 un voto in meno, dopo una prova di qualità e contenimento, per la palla concessa in mezzo del successivo 2-2

Pinato 6- quasi impalpabile, un paio di palle centrate nella ripresa

Falzerano 7 lo zampino in entrambi i goal e continue incursioni a dx

Moreo 7 immarcabile, trova un bel goal e recupera anche in difesa

Zigoni 7 in crescendo, bel goal e giocate di prima a supporto

 

i sostituti

Suciu 5,5 anche lui perde la posizione sul 2-2

Cernuto 6 nel centro dx non si soffre

Marsura 6 nel finale ha il pregio di tenere la palla in avanti

 

Inzaghi 8 oggi ritrova i suoi concentrati e sul pezzo per 80′. il black-out di un minuto (ma il primo goal ternano era in netto fuorigioco) con 2 goal subiti crea qualche preoccupazione sullo sbandamento collettivo. La voglia di vincere comunque rimane e viene premiata dalla meritata vittoria.

 

Gli avversari 4 solo buona volontà. Squadra scarsa e senza elementi di spicco. In balia delle ripartenze lagunari che più volte sfiorano il 3-0. Il 2-2 sarebbe davvero troppo per come avviene. Poi ci pensa capitan Domizzi.