News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

La partita di Bibì e Bibò | AC Cesena vs Venezia FC

C’è il gioco ma manca la concretezza.

E manca lì davanti dove molti hanno visto fin dall’anno scorso le pecche maggiori e dove non sembra, al momento, che si siano modificate le cose. Perchè, anche se si è vinto il campionato, nessuno può seriamente dire che avevamo un attacco irresistibile.

Dopo due partite, ancora troppo poche per trarre giudizi definitivi, emerge come, pur giocando di fronte a due squadre non certo straordinarie, questo Venezia si sia dimostrato molto forte in difesa. Il reparto che più di tutti ha dato prova di solidità, di continuità su uno standard molto alto. Il reparto più affiatato nel quale anche i nuovi innesti finora sperimentati hanno risposto con lo stesso livello di qualità.

In mezzo al campo il faro Bentivoglio sembra non aver mai smesso di giocare, quasi la serie B fosse la naturale prosecuzione dell’ottima seconda parte del suo campionato di LegaPro. Gran piedi, ottima visione di gioco, scelta accurata di tempi e di impostazione. Anche se lo sforzo di reggere sulle sue spalle l’intera squadra in queste due prime partite si è fatto sentire.

I compagni di reparto non sempre all’altezza, ma sempre generosi e costanti. Qui vedremo, con l’inserimento progressivo dei nuovi, se ci sarà luce ed energia continua. Le premesse sembrano esserci, i fatti dovranno dimostrarlo.

Davanti, o se volete dalla trequarti in su, solo il folletto Falzerano sta fecendo la differenza con le sue incursioni e i suoi cross. Con la sua generosità.

Le punte sono “spuntate” se permettete il giro di parole. Sembra di essere tornati ai momenti peggiori del campionato scorso; sì è vero che manca ancora Geijo ma nemmeno lui è un bomber a tutto tondo.

Quello che c’è da evidenziare è che finora non sono mancate le occasioni, con il Cesena ne abbiamo contate almeno 5/6 di limpide, e dato che il serie B le occasioni non le trovi al supermercato – e non amministri la differenza tecnica come nel campionato di LegaPro – ma te le devi davvero andare a costruire, quasi sempre con fatica e con tanta costanza, non è che puoi permetterti di sprecarle malamente per imprecisione.

Devi realizzare almeno 1 gol ogni tanti che ne sbagli. Vecchio refrain: “primo” non prenderne, ma “secondo” metterla dentro.

Aspettiamo fiduciosi che maturino i peri!

Le pagelle in due parole

Russo 6,5 prova in sicurezza disturbata dall’infortunio

Zampano 6 trattenuto senza avanzare troppo

Andelkovic 6,5 sul centro dx non teme avversari

Modolo 6,5 rude ed energico ottiene il risultato

Domizzi 6,5 più gregario del consueto non concede alcunchè

Del Grosso 6 buona intensità, ma finisce in apnea e di là si rischia qualcosa

Bentivoglio 7 consueta prova di sostanza e qualità

Suciu 6,5 dinamico ed intelligente

Falzerano 7,5 grande corsa e dribbling con parecchie palle centrate mal sfruttate dai compagni. quasi goal nel finale

Moreo 6,5 corre come un forsennato perdendo però lucidità davanti

Zigoni 5 indietro di condizione si mangia pure un goal facile

I sostituti

Vicario 6 doppio debutto (stagionale e serie B) indolore senza patemi

Marsura 6,5 buon impatto sfiorando il goal

Signori sv il tempo di debuttare

Inzaghi 6,5 squadra solida e motivata, ancora con qualche giocatore al 60/70%. Peccato per le palle gol non sfruttate superiori alle occasioni cesenati

Gli avversari 6 gioco sulle fasce e punte leggere, concedono qualcosa e ringraziano.