News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

RITORNA IL MP! Ecco l’anteprima del decimo numero in distribuzione domani al Penzo

Gli arancioneroverdi sono trionfalmente tornati in Lega Pro e con loro ritorna, ad ogni appuntamento casalingo, il Match Program offerto da VeneziaUnited. Il programma ufficiale del match, una tradizione d’oltremanica che VeneziaUnited ha importato in laguna nel 2010, sarà in  distribuzione domani allo stadio e, per chi non riuscirà ad assicurarsene una copia, nel sito all’interno della sezione FANS CLUB/Match Program. In anteprima la classica rubrica Facciamo il punto.

R01_COPERTINAEQUILIBRI DI RIGORE

Equilibri.

Venezia FC primo in classifica e solitario al comando.

Eppure, dopo la partita di Forlì, un pieno di rammarichi, di rimuginazioni, di critiche, di paure di non farcela, di risentimenti contro questo o quello (principalmente contro gli arbitraggi).

E poi, c’è chi vede un campionato di tante squadre di valore e chi vede un campionato equilibrato sulla modestia complessiva nonostante le aspirazioni di tanti complessi blasonati e ambiziosi.

Forse qualcuno ha pensato che, arrivati in testa, gli arancioneroverdi non dovessero fare altro che aspettare la fine del torneo per festeggiare.

Invece non c’è nulla di più scontato dell’imprevedibilità del calcio.

Fai un figurone con i più forti e perdi occasioni con i più piccoli.

Oppure fai un secondo tempo come quello casalingo con la Maceratese in cui il gioco è a tratti irresistibile e segni tre gol d’autore dopo aver creato una marea di azioni da gol e ti ritrovi con un pareggio che grida vendetta.

Oppure, ancora, ti ritorna in mente l’apparentemente perentorio ko interno col Padova il cui risultato parrebbe rappresentare una débacle, invece sappiamo tutti com’è andata.

Infine, dopo la strepitosa (e sfortunata) prestazione con i maceratesi pensi di andare a Forlì a confermare quel passo che credi di aver definitivamente conquistato ed esci con le pive nel sacco (lasciando perdere il penoso arbitraggio) mostrando le cose peggiori che questa formazione abbia saputo dare nella prima metà del torneo.

Ed ecco che si ripropone il discorso dell’equilibrio.

Basta dare una scorsa al campionato delle altre big. Alti e bassi vistosissimi. Chi sembra più coerente è il Pordenone che senza tanti proclami può vantare tanti punti, qualche scalpo importante come i successi su Venezia e Padova.

Ma la verità la dice il differenziale tra gol fatti e subiti che fa risaltare, appunto, il +12 dei friulani davanti al +10 degli arancioneroverdi e dei padovani con il comune denominatore delle polveri bagnate dei presunti cannonieri di ogni squadra, senza dimenticare il fatto che il leader della classifica marcatori è Arma del Pordenone che ha realizzato la metà dei suoi 12 gol grazie a calci di rigore.

Insomma gli equilibri sembrano più figli di incongruenze che altro dove, checché se ne dica, i rigori stanno marcando le differenze. Particolare, quindi, fondamentale di fronte al quale gli arbitraggi sembrano non adeguatamente preparati.