News da VeneziaUnited

Tutto quello che c'è da sapere sul Venezia Football Club raccontato da VeneziaUnited

RITORNA IL MP! Ecco l’anteprima del quattordicesimo numero in distribuzione domani al Penzo

Gli arancioneroverdi sono trionfalmente tornati in Lega Pro e con loro ritorna, ad ogni appuntamento casalingo, il Match Program offerto da VeneziaUnited. Il programma ufficiale del match, una tradizione d’oltremanica che VeneziaUnited ha importato in laguna nel 2010, sarà in  distribuzione domani allo stadio e, per chi non riuscirà ad assicurarsene una copia, nel sito all’interno della sezione FANS CLUB/Match Program. In anteprima la classica rubrica Facciamo il punto.

ARANCIONEROVERDI, COME SONO BELLI

R_05_COPERTINAC’è una breve trasmissione al lunedì su Rai2, al termine del Telegiornale delle 13, che si chiama “Tutto il bello che c’è” in cui vengono esaltate e rese gradevolissime notizie e iniziative positive: il bello.

Ce n’è un’altra al termine del TG1 delle 20 che si chiama “Affari tuoi” (il gioco dei pacchi) in cui, prima ancora che inizi c’è il pubblico che urla all’impazzata e in cui, per farsi sentire, il conduttore urla ancora di più. Ma perché urlano, se la trasmissione non è ancora iniziata?

Le analogie con quanto detto qui sopra e il campionato che sta giocando il Venezia FC sono rilevanti nelle loro contraddizioni.

Gli arancioneroverdi, dopo il periodo di rodaggio e, soprattutto di reciproca conoscenza con mister Inzaghi, ora volano. Volano in classifica e volano sul campo all’interno di un gioco veramente piacevole, divertente, efficace, brillantemente concreto. E infondono gradevoli impressioni di positività, come, per fare analogia con altro sport molto seguito in Laguna, quando il ritorno alla Reyer di Julyan Stone ha contagiato entusiasmo nei compagni e nel pubblico del basket.

La similitudine con “Tutto il bello che c’è” sta nelle sensazioni che si diffondono in abbondanza in tv e sul rettangolo verde del calcio. Diversamente, l’incomprensibile urlato sguaiato della trasmissione post TG1, può essere paragonabile al gioco “fabbrile” delle pedate sulle caviglie che sta tanto acquisendo proseliti in Lega Pro (il posticipo Parma-Forlì docet, da ambo le parti in causa) e alle conseguenti interruzioni di gioco per veri o simulati infortuni. Elogio del trash.

Ritornando sul campo, ricordiamo le pseudo aggressioni (detto tecnicamente…pressing alto) quando il buon Alex Pederzoli, nella prima parte del torneo, nel momento dell’impostazione dell’azione arancioneroverde veniva assaltato con le buone e con le cattive da un paio di avversari.

Quando Inzaghi ha fatto sveltire il gioco di centrocampo si sono esaltate le qualità tecniche della squadra e dei singoli e il gioco è diventato più frizzante, divertente e molto più apprezzabile anche da parte degli esteti più esigenti.

La strada è ancora lunghissima e tortuosa prima della meta, ma di una cosa si può già andare soddisfatti. E’ tornato il calcio bello. E non è certamente poco.